Crostata ai fichi e rosmarino

Ancora non ci credo. Sono riuscita a fare una ricetta con i fichi. Anzi a ri-fare, visto che è una nuova versione di questa crostata, che alberga nel blog da tempo immemore.
La mia incredulità è dovuta al fatto che amo i fichi alla follia, mi piacciono così tanto che usarli in una ricetta rinunciando a mangiarli al naturale mi sembra uno spreco folle.
Siccome il babbo lo sa e me ne porta in quantità esagerate, ci sono periodi in cui viaggio alla quota di 10-12 al giorno, e lo so anche io che è da esagerati, ma durano per così poco tempo che proprio non riesco a resistere.

Non è un caso che io abbia scelto un dolce in cui i fichi vengono lasciati quasi al naturale, così da conservare ben distinto e intatto il loro sapore.
La base è una frolla croccante e non troppo burrosa, praticamente la frolla Milano di Leonardo Di Carlo ma con meno zucchero. Il ripieno ha la dolcezza del miele e il leggero acidulo del caprino, che io adoro nei dolci. In mezzo, qualche noce croccante e sopra tutta la dolcezza dei fichi, con il rosmarino che li rende irresistibili.
Rispetto alla crostata originaria, ho scelto una frolla più leggera, ma se volete quella più burrosa, seguite questa ricetta.

Una precisazione: nella foto vedete una decorazione con fichi freschi, frutti di bosco e qualche meringhetta (perché volevo fare la foto così), ma per la degustazione è meglio completare la crostata con i fichi leggermente caramellati, come descritto nel procedimento della ricetta.

Crostata ai fichi, caprino e rosmarino

Porzioni: 8       Tempo di preparazione: 30 minuti       Tempo di cottura: 30 minuti

Ingredienti

per la frolla
250 g di farina
125 g di burro
80 g di zucchero a velo
1 uovo medio (55 g da sgusciato)
scorza di mezzo limone
un pizzico di sale

Setacciate la farina con lo zucchero a velo. Unite il burro freddo a dadini, il sale e la scorza di limone e lavorate l’impasto con le dita fino ad ottenere un composto bricioloso e slegato.
Unite l’uovo leggermente sbattuto e lavorate quel tanto che basta per far stare in sé l’impasto.
Compattatelo in una palla, appiattitela, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo per almeno 2 ore.

Togliete la pasta dal frigo 15 minuti prima di lavorarla.
Stendetela con un mattarello allo spessore di circa 3 mm e foderatevi uno stampo, precedentemente imburrato, del diametro di 22-24 cm. Vi avanzerà un bel po’ di pasta, che potrete surgelare o usare subito per fare dei biscotti o una piccola crostata.
Coprite la pasta con della carta da forno, riempite lo stampo con dei legumi secchi e cuocete a 180° per 30 minuti (cottura in bianco). Dopo i primi 20 minuti rimuovete la carta forno e i legumi e proseguite la cottura (i legumi possono essere utilizzati normalmente in seguito, non buttateli). Sfornate e fate raffreddare.

per la farcitura
250 g di quark (o mascarpone)
100 g di carpino morbido
60 g di yogurt greco
60 g di miele di millefiori
7-8 noci

Mescolate i formaggi e lo yogurt con il miele e tenete in fresco fino all’utilizzo.
Sgusciate le noci e spezzettatele grossolanamente.

per guarnire
8 fichi
3 cucchiai di zucchero di canna
2 rametti di rosmarino
more, mirtilli, meringhette e simili per decorare

Tamponate la buccia i fichi con un scottex appena umido per rimuovere le impurità.
Tagliateli in quattro parti e disponeteli su un foglio di carta da forno. Cospargeteli con lo zucchero di canna e gli aghi di rosmarino e fate grigliare a 200° per 10-15 minuti, finché non sono leggermente caramellati.

Quando il guscio di frolla è freddo distribuitevi alla base i gherigli di noce. Versatevi la crema di formaggio (io mi sono aiutata con una tasca da pasticciere), livellatela con una spatola e poi guarnite con i fichi caramellati.

Share

You May Also Like

9 comments on “Crostata ai fichi e rosmarino

  1. 10/09/2018 at 23:09

    Sembra davvero la fine del mondo! Mi piace moltissimo l’accostamento della frutta con il rosmarino 😀

    • 12/09/2018 at 23:49

      Grazie! Anche a me il rosmarino con la frutta piace moltissimo, lo sto usando un sacco in questo periodo 🙂

  2. 11/09/2018 at 16:01

    E’ davvero stupenda. Ma come te io amo i fichi al naturale alla follia. E quest’anno se ti dico che ne ho assaggiato a malapena uno perché…me li sono dovuta comprare? Una frustrazione senza limiti. Volevo fare una torta che pubblicherò a breve, ma avrei voluto anche mangiarli solo che li ho pagati come una parure di Bulgari e ho desistito.
    Ma neanche nella torta, pur buonissima, ho provato il godimento del fico al naturale, che da piccola mangiavo direttamente da un’enorme pianta di fronte a casa mia alla Bagnaia. I fichi e le more appartengono alla mia memoria bambina e mi riportano in quel posto bellissimo. Beata te che hai un papà così prodigo. Se solo stessi più vicina 😉
    Un forte abbraccio

    • 12/09/2018 at 23:51

      Ti capisco Patty….l’unico nano che non sono riuscita ad averli da casa non mi sembrava nemmeno settembre. E quelli comprati non hanno proprio senso, per chi è abituato ad averli dall’albero. Sono un lusso puro, colti e mangiati. Una delle cose più buone del mondo, secondo me.
      E anche a me i fichi e le more ricordano l’infanzia. Un periodo che a volte mi sembra che duri ancora.
      Ti stringo forte anche io 🙂

  3. 11/09/2018 at 18:39

    Per me è lo stesso. Non so resistere ai fichi, ne mangerei a chili ma purtroppo non è facile trovarli buoni. Questa per me è stata una settimana gloriosa (sono stata in vacanza tra la Provenza e Porquerolles) e sono riuscita a mangiare dei fichi al naturale, un gelato ai fichi sensazionale e un pane ai fichi da svenimento. Dovessi usarli per cucinare però non riuscirei mai a conservarne a sufficienza… troppo golosa! Questo dolce l’avevo già ammirato su fb o su Instagram, è di una bellezza incredibile.

    • 12/09/2018 at 23:52

      Ecco, allora mi puoi capire! Al naturale per me sono la cosa più buona del mondo. Ma rigorosamente colti dall’albero. Quelli comprati, purtroppo, non hanno senso. Che bel giro che hai fatto! E soprattutto, tutte questa specialità a base di fichi…un sogno 😀

  4. 17/09/2018 at 10:46

    Pensa che nelle due settimane e pochi che sono stata giù dai miei ho fatto colazione tutte le mattine – tranne una – con i fichi tanto li adoro! Trovo la tua proposta elegantissima e SPLEN-DI-DA!

    • 17/09/2018 at 20:30

      Grazie Mile!! E sui fichi, che dire…sono insuperabili!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *