Biscotti con farina di castagne, arancia e ricotta

Non potevo far passare l’inverno senza aver fatto nemmeno una ricetta con la farina di castagne.
Ingrediente toscanissimo, una volta era un povero surrogato per genti di montagna, che non potevano permettersi la farina bianca. Oggi invece è diventato un genere di lusso, costoso e – a seconda delle annate di produzione – difficilmente reperibile.
A me piace moltissimo per la sua personalità spiccata, dolce e pastosa, ma che termina con una punta di amaro e di affumicato che mi fa impazzire. Non a caso, questo blog è pieno di ricette che la vedono protagonista.

Ci sono i biscotti farciti di marmellata, i biscotti semplici e i cantucci senza zucchero (non lo si direbbe mai!). Poi c’è una torta morbidissima con farina di castagne e clementine, e accanto a lei il tradizionale castagnaccio, ricordo di infanzia e di un nonno che adoravo.
Ma non sfigura nemmeno in piatti salati, come le crepes ripiene di cavolo nero, i crackers al rosmarino e gli gnocchi conditi con speck e noci.
Mi fermo qui, ma l’elenco proseguirebbe ancora.

Oggi torno al mio vecchio amore, i biscotti. Ho rubato l’idea ad Elena, sono biscotti senza uova né burro, senza bisogno di stampini né di molto tempo a disposizione. Servono solo dieci minuti, ricotta, farina e un po’ di zucchero, ma non tanto, ché la farina di castagne è già dolce di suo. All’interno volevo mettere delle albicocche disidratate, ma ne avevo poche e ho dovuto aggiungere anche dell’uvetta.

I biscotti sono anche l’occasione per festeggiare una piccola conquista: finalmente, dopo due anni che ci penso, sono riuscita a stampare il calendario di Panelibrienuvole. Il ringraziamento va a print24, che si è insinuato direttamente nelle pieghe della mia pigrizia e mi ha offerto di stampare il calendario, fornendomi un ottimo servizio in termini di assistenza  e di qualità della stampa. Il tempo di scegliere le foto e preparare il layout e nel giro di 4 giorni il calendario era a casa mia.

È una piccola cosa ma, come accade spesso con le piccole cose, mi rende felice. Rigiro tra le mani il calendario e ci vedo un segno tangibile del mio lavoro, che in genere invece ha esiti immateriali (foto, testi, ricette) o destinati alla brevissima durata (questi biscotti, per esempio, sono durati due giorni).
Un piccolo regalo per gli amici che mi sostengono nelle mie continue incertezze e insicurezze, una sorta di amuleto che mi ricorda la strada fatta e tutto quello che ancora posso fare.

Biscotti con farina di castagne, arancia e ricotta

Quantità: 20-22 biscotti       Tempo di preparazione: 10′       Tempo di cottura: 20′

Ingredienti

220 g di ricotta di pecora
110 g di farina di castagne
35 g di zucchero di canna chiaro
4 cucchiai di albicocche disidratate a dadini (o uvetta o pinoli)
1/2 cucchiaino di lievito in polvere
scorza grattugiata di un arancia
2 cucchiai di zucchero semolato (facoltativo)

Mescolate tutti gli ingredienti tranne lo zucchero semolato, fino ad avere un composto omogeneo.
Procedete a formare con le mani delle piccole palline di impasto, grandi quanto una piccola noce. Se il composto fosse troppo morbido, aggiungete ancora un po’ di farina di castagne, ma senza esagerare.
Rotolate ogni pallina nello zucchero semolato che avrete versato in un piatto.
Posizionatele su una teglia coperta di carta da forno e cuocete a 170°C per 20′.
Sfornate e fate raffreddare prima di muoverle dalla teglia.

Note: 

  • all’interno avrei voluto mettere solo albicocche disidratate, ma ne avevo poche e ho dovuto integrare con l’uvetta. Ovviamente potete scegliere la frutta che preferite (secondo me ci starebbero bene anche le prugne).
  • col senno di poi, non avrei messo lo zucchero intorno. Rende i biscotti troppo dolci (visto che la farina di castagne è già dolce di suo) e il giorno successivo forma una sorta di glassa sulla superficie esterna dei biscotti che non mi piace molto.
  • li ho provati anche con i pinoli: mi piacciono ancora di più!

Share

You May Also Like

12 comments on “Biscotti con farina di castagne, arancia e ricotta

  1. 01/02/2018 at 11:41

    Che bella l’idea del calendario… viste le magnifiche foto che fai mi sembra giusto valorizzarle al meglio. Certo che questi biscottini fan venir voglia…

    • 02/02/2018 at 21:50

      Grazie Viv! 😀

  2. 01/02/2018 at 18:20

    Ha ragionissimo Viv e così deve essere proprio un calendario splendido. E poi che soddisfazione vuoi mettere?! Brava Alice e per te sarà proprio un amuleto a ricordati quanta “strada hai fatto e quanto ancora puoi farne”. E i biscotti sono golosissimi, tanto lo sai che con me con la farina di castagne sfondi una porta aperta 😉

    • 02/02/2018 at 21:50

      Eheheh, la farina di castagne ci accomuna 😀
      Grazie Mile, un abbraccio!

  3. 01/02/2018 at 22:34

    Che bello il calendario, poter fermare parole, foto, ricette e pensieri è una cosa che amo molto…. E purtroppo ora con la tecnologia a nostra disposizione salviamo tutto su pc e poi ce ne dimentichiamo…. Biscottini davvero golosi e anche leggeri direi ma gustosi! Un bacione

    • 02/02/2018 at 21:49

      Infatti sono proprio contenta di averlo stampato…almeno quello rimane…e lo posso sfogliare quando voglio 🙂
      Grazie e un abbraccio 😀

  4. 02/02/2018 at 17:58

    Adoro anche io la farina di castagne proprio per le caratteristiche da te elencate!
    Biscotti deliziosi e bel calendario personalizzato 🙂

    • 02/02/2018 at 21:48

      Grazie Fabio! 😀

  5. 03/02/2018 at 15:03

    Questi biscotti sono una vera coccola per il palato. Sai che nemmeno io quest’anno ho fatto ricette con la farina di castagne? Devo rimediare. Buona giornata

    • 05/02/2018 at 18:37

      Grazie Laura! Fammi sapere se li proverai…a me sono piaciuti un sacco 🙂

  6. 12/02/2018 at 16:18

    Appena vista la foto, ho pensato che quel cestino fa degnamente il suo dovere di cestino: invita a mettere la mano sul manico e via, si porta via! 😀 Una zampetta di gatto, poi, lo fa ancora più velocemente, ahaha! E se viene con sè pure il calendario… si mangia e si assapora anche sfogliando…

    • 13/02/2018 at 00:46

      Io penso che impazzirei con i gatti birichini che mi saltano in mezzo al set 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *