Sciroppo di fiori di sambuco

Ancora fiori! Sì, perché il sambuco ce ne regala a profusione e ho deciso di approfittarne: dopo la composta, ecco un delicatissimo sciroppo.
Velocissimo da fare, è molto rinfrescante e dissetante, perfetto nelle giornate estive. Si può usare per dare un sapore speciale a torte, biscotti e dolci al cucchiaio (come il risolattela cheesecake!).
Ma il top è mescolato con del prosecco e qualche fogliolina di menta, a fare quel cocktail chiamato Hugo che mi fa impazzire.

E proprio quando pensavo di aver fatto una cosa originale, mi sono trovata davanti l’ordinato archivio di Libera, che ha già sperimentato i fiori di sambuco in decine di preparazioni. Mi sono sentita come chi fa la scoperta dell’acqua calda, ma sono certa che da lei potrò trarre grandi ispirazioni! 🙂

Ricordate che è uno sciroppo, cioè molto dolce e concentrato, pertanto va consumato allungato con acqua, in proporzione di 1:5 circa.

sciroppo sambuco2

I fiori di sambuco sembrano avere molto proprietà benefiche, prima tra tutte quella di rinforzare il sistema immunitario grazie alla presenza di bioflavonoidi che incrementano i livelli di antiossidanti e proteggono le pareti cellulari dagli attacchi dei virus.

Oltre a flavonoidi e acidi fenolici, tuttavia, i fiori contengono anche alcaloidi potenzialmente tossici e quindi vanno cotti prima di consumarli. Inoltre le donne incinte o in allattamento e chi soffre di patologie renali o epatiche dovrebbe astenersi dal consumo: gli effetti collaterali sono rari ma è sempre meglio essere prudenti!

Per saperne di più: http://www.benessere360.com/sambuco.html

sciroppo sambuco5bis

SCIROPPO DI FIORI DI SAMBUCO

  • 10-12 ombrelli di sambuco
  • 1 limone grande non trattato
  • 1 litro d’acqua
  • 700 g di zucchero

Sgranate i fiori di sambuco, cercando di rimuovere buona parte dei rametti verdi. Mettete in un vaso ermetico con 1 litro di acqua e i limoni tagliati a fette e tenete in infusione per 24-36 ore.
Filtrate il liquido con una tela di lino; strizzate i limoni e i fiori nella stessa tela per raccoglierne tutto il succo.
Mettete sul fuoco con lo zucchero e fate spuntare il bollore, poi proseguite la cottura per circa 30 minuti (o un po’ di più se volete uno sciroppo più denso).
Si conserva in frigorifero per diversi mesi.

sciroppo sambuco3bis

sciroppo sambuco

Share

You May Also Like

34 comments on “Sciroppo di fiori di sambuco

  1. 11/05/2014 at 19:12

    Al parco in questi giorni i fiori di sambuco sono ovunque. Bellissimi, come le tue foto!

    • 11/05/2014 at 19:29

      Grazie! È vero, se ne vedono proprio tanti. Insieme a quelli di acacia…altrettanto candidi e belli. E buoni da mangiare! 🙂

  2. 11/05/2014 at 19:18

    Maddai, non farmi sentire una maestrina:-D, ho solo la fortuna di vivere a poche centinaia di metri da questi fiori generosi e cerco di di valorizzarli, è anche una maniera per far incuriosire le persone così da farli amare di più. Ieri mattina sono andata all’ecopiazzola che finisce dove inizia uno sterrato e, in fondo, in fondo, ho visto un nonno con una bambina che raccoglievano i fiori di sambuco e papaveri, ecco, così mi piace <3
    Io non lo faccio bollire perchè mi altera il sapore e perchè ho un frigorifero in cantina che mi permette di conservarlo almeglio;pensa che ho ancora 2 vasetti di quello dell'anno scorso, prova.

    • 11/05/2014 at 19:39

      Macchè maestrina!! Hai un sacco di ricette e idee sfiziose!
      Che bella l’immagine di nonno e nipotina… Sai che anche io da piccola ho passato tanto tempo con mio nonno? Lui mi portava a raccogliere le more e i pinoli…che nostalgia! Sono tra i ricordi più belli, se ci penso mi salgono le lacrime agli occhi.
      Grazie per questa bella immagine… 🙂
      Un abbraccio!

  3. 11/05/2014 at 20:10

    Tra la compasta e quest’ultima meraviglia mi hai davvero deliziata.
    Prima di mettermi all’opera mi metto comoda nel cestino, tra il barattolo e i limoni, mi godo i raggi dal sole e il profumo intenso dei tuoi fiori.
    Brava (e la foto del cestino è bella bella) 🙂

    • 11/05/2014 at 22:14

      Grazie! Speravo proprio che questo post ti sarebbe piaciuto…natura, campagna, genuinità e tradizione…non sei tu? 🙂
      Non sai quanto mi ha messo di buonumore questa escursione all’aria aperta. Mi ha proprio rigenerato. 🙂
      Un abbraccio e buona settimana!

  4. 11/05/2014 at 22:05

    Sei molto tedesca ultimamente! Dopo il quark mi prepari anche lo sciroppo di fiori di sambuco! Qui in Germania è super diffuso, si usa anche per fare un ottimo cocktail l’Hugo, con prosecco e seltz! Un suggerimento per i tuoi prossimi aperitivi? 🙂

    • 11/05/2014 at 22:16

      Ahahah, non ci avevo pensato! Ma ti preannuncio che la prossima ricetta sarà mediterranea…per bilanciare un po’! 🙂
      Il cocktail non lo conoscevo (sono molto impreparata sull’argomento) ma mi sembra un’ottima idea in previsione dell’estate imminente! Grazie!

  5. Non riesco ad immaginarne il sapore purtroppo… 🙁 Li avevo trovati al mare, ma dovendo partire dopo poco tempo ho preferito lasciarli dove li avevo trovati, sapendo che sarebbero finiti nella spazzatura!
    Un abbraccio, me li farai assaggiare la prossima volta che ci incontreremo 🙂
    Un abbraccio

    • 12/05/2014 at 19:23

      Uhm, a dire la verità non te lo saprei descrivere… È molto delicato e in questo sciroppo è mescolato all’aroma di limone, ma sono entrambi molto tenui…
      Sì, forse la cosa migliore è fartelo assaggiare direttamente! 🙂
      Un bacio!

  6. 12/05/2014 at 16:56

    che delizia!!! complimenti!

  7. 13/05/2014 at 13:22

    Ma che bellezza!!!
    Complimenti.

  8. 13/05/2014 at 15:53

    questa ricetta la passo a mia madre….wow..sarà felice
    Grazie!!

  9. 13/05/2014 at 16:21

    wow! oggi tu dico solo wow! non me la ricordavo da libera..che testa! 🙂

    • 13/05/2014 at 16:26

      🙂 hai troppo ricette alle spalle…ti serve un archivio…o un segretario! 😉

  10. 13/05/2014 at 17:23

    non sono più riuscita a coglierli! sono stata assente una settimana e domani parto di nuovo…chissà se quando ritorno in campagna potrò ancora coglierli? io non amo gli sciroppi però l’idea di bagnarci torte o dell’aperitivo mi piace! baci

    • 13/05/2014 at 17:32

      Sì, anche per l’aperitivo è una buona idea…ma a me piace anche gustato così…e mi sembra anche che abbia funzione digestiva!
      Buon ritorno in Romagna allora!

  11. 13/05/2014 at 20:58

    ma che bella idea…..che splendide foto…che atmosfera magica VOGLIO ANCHE IO I FIORI DI SAMBUCOooooooooooooo…..sai che ho trovato anche le frittelle di fiori di sambuco???

    • 13/05/2014 at 23:15

      Grazie!!! Ho visto anche io diverse ricette di frittelle ma io non friggo mai, per vari motivi di carattere organizzativo…e poi avevo paura che in quel modo restasse ben poco del loro sapore delicato…però chissà, sarebbero da provare!

  12. 14/05/2014 at 10:38

    mi hai fatto scoprire i fiori di sambuco..però non sono stata molto brava a usarli! ero a camminare qui nelle mie colline..ho visto questo cespuglio..ho detto: “sono i fiori di sambuco, quelli che ha usato Alice!” li ho riconosciuti ricordando le tue foto e la descrizione dei fiori a “ombrello”! ne ho presi un paio..li ho portati a casa..nell’attesa di farmi venire un’idea però sono anche andati! 🙁 va beh..ci riproverò un’altra volta! un pò di sciroppo in un tè verde freddo, che dici??
    baci
    Anna

    • 14/05/2014 at 16:14

      Hai ragione…effettivamente avrei dovuto scrivere che vanno utilizzati subito altrimenti appassiscono e marciscono…adesso lo aggiungo!
      Lo sciroppo si presta a innumerevoli utilizzi, qualcuno mi ha anche suggerito di farne un cocktail e l’idea mi piace…ma anche con il tè potrebbe essere buono! E’ tutto da sperimentare! 🙂

      • 14/05/2014 at 16:18

        Ma non voleva essere una nota la mia.. Solo un’evidenza della mia pigrizia! 😉 comunque se non ricordo male ai miei genitori in Alto Adige avevano preparato un aperitivo fatto semplicemente mescolando prosecco e sciroppo di sambuco! Dici che ricordo bene? Potrebbe funzionare? 🙂

        • 14/05/2014 at 16:23

          Sì, ma effettivamente è un’informazione che può essere utile, quindi…ben venga!
          Hai indovinato in pieno! Alessia (più su) ha proprio suggerito di mescolarlo con del prosecco e un po’ di selz! Adesso devo solo stabilire in che dosi…eeehh, vuol dire che dovrò fare un po’ di prove! 🙂

  13. 14/05/2014 at 12:04

    eccolo qui!!! Deve essere super delicato e aromatico!!! E poi che dire delle foto??? Fantastiche!!!! Baci baci e complimentissimi!

  14. 20/05/2014 at 18:24

    Libera ispira sempre anche me!
    Lo sciroppo di sambuco é un must in questa stagione, l’ho provato sia con ilimoni che con aggiunta di acido citrico che da un tocco anche piú frizzanti o e quando lo diluisci con l’acqua sempre uno spumantino! Che delizia! 🙂
    Baci

    • 20/05/2014 at 19:04

      Decisamente il prossimo passo sarà quello di unirlo ad un prosecco per l’aperitivo…non vedo l’ora! 🙂

  15. 26/04/2017 at 14:17

    Alla ricerca dei fiori di sambuco, perché riesco a sentire il profumo di quello sciroppo, attraverso le tue foto. Ho una zia che tantissimi anni fa, ci portò in regalo una bottiglia di quel nettare e ci dissetammo per tutta l’estate, poi ho provato anche con quello che vendono all’ikea ma non é esattamente la stessa cosa, e ora ecco qua la ricetta proprio sulle tue pagine… Che dirti se non grazie?

    • 26/04/2017 at 16:44

      Mi fa piacere se ti sono stata utile…diciamo che ho ricambiato i tuoi zuccherini! 🙂
      Quello industriale non l’ho nemmeno mai assaggiato, dico la verità… Mi piace tanto berlo d’estate, diluito con acqua. Oppure con del prosecco, per ottenere un fantastico aperitivo, lo Hugo! 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali in accordo col Dlgs 196/2003.