La schiaccia briaca dell’Isola d’Elba

united_kingdom_640

Già una volta l’Isola d’Elba è stata protagonista di queste pagine, in un post in cui si parlava di sole, giovani ormai incanutiti e ricordi d’infanzia.
Stavolta, invece, i ricordi sono freschi. Solo pochi giorni fa mi trovavo in quest’isola magica – dopo anni di lontananza – e ne sono tornata arricchita e carica di suggestioni. Stralci di una storia millenaria fatta di mare e di minerali. La frescura dei boschi fitti e ombrosi che pochi conoscono. Gli scorci mozzafiato di un blu profondo e tremolante. Gli sguardi vivi e toccanti di persone care.

elba
E proprio in compagnia di persone vicine al mio cuore ho mangiato uno dei dolci più buoni che ci siano: la “schiaccia briaca”. Niente lievito né uova, solo farina, olio, zucchero e frutta secca erano gli ingredienti originali di un dolce arrivato all’Elba con i pirati saraceni del XIII secolo. Un dolce povero, destinato ad essere portato per mare dai naviganti e quindi pensato per conservarsi a lungo.
Ma all’Elba si producono da sempre anche degli ottimi vini, in particolare l’Aleatico, delizioso vino dolce liquoroso dal colore rosso granato. E così, in barba ai precetti islamici, gli elbani pensarono bene di aggiungere un po’ di Aleatico nell’impasto della schiaccia (e qualche cucchiaiata di Alchermes) che per questo divenne “briaca”.
Adoro da sempre questo dolce goloso, ricco, consistente e che non viene mai a noia. L’Aleatico si accompagna perfettamente alla frutta secca, mentre l’olio lo rende friabile quanto basta per farlo rompere in mille briciole da raccogliere una ad una con la punta delle dita sulla tovaglia, fino a che non se ne taglia un’altra fetta.

schiaccia1scritta
Stavolta, oltre alla versione classica, ne ho assaggiata una nuova, elaborata dalla giovane pasticcera dell’Agriturismo Sapereta. Ecco comparire le nocciole al posto di noci e pinoli, le albicocche secche al posto dell’uvetta e l’Aleatico che diventa protagonista, eliminando il rivale Alchermes. Un dolce tutto nuovo, anche nella consistenza, eppure ad ogni morso il richiamo alla schiaccia tradizionale era chiaro, in una sorta di rimandi e connessioni organolettiche difficili da descrivere. Unica soluzione: assaggiarla!
Io vi lascio la ricetta tradizionale perché i segreti di una cuoca non si svelano, ma vi assicuro che una volta provata non potrete più farne a meno!

Schiaccia briaca dell’Isola d’Elba

  • 250 g di farina 00
  • 120 g di zucchero
  • 60 ml di olio extravergine d’oliva
  • 50 g di noci
  • 50 g di pinoli
  • 50 g di uvetta
  • mezzo bicchiere di Aleatico del’Elba
  • 3 cucchiai di Alchermes
  • 3 cucchiai di Alchermes e 1 di zucchero per la superficie

schiaccia4scritta

Versate la farina in una ciotola, unite lo zucchero, l’uvetta precedente ammollata e la frutta secca (lasciando da parte un po’ di pinoli per decorare la superficie), poi versate l’olio e l’Aleatico e impastate velocemente. Se necessario, aggiungete ancora un po’ di Aleatico. Cercate di ottenere un impasto omogeneo ma non lo lavorate troppo altrimenti la schiaccia si indurirà.
Foderate una teglia con carta forno, ungetela con l’olio e versatevi l’impasto in modo che sia alto 1,5-2 cm. Sulla superficie distribuite i pinoli rimasti (e se volete ancora un po’ di uvetta), l’Alchermes mescolato con un cucchiaio d’olio e, infine, un cucchiaio di zucchero. Cuocete a 180° per 40-45 minuti.

[contact-form][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’E-mail’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Sito web’ type=’url’/][contact-field label=’Commento’ type=’textarea’ required=’1’/][/contact-form]

 

Share

You May Also Like

20 comments on “La schiaccia briaca dell’Isola d’Elba

  1. 19/09/2013 at 21:54

    Che brava! Sei riuscita a rifarla? Anche io ho un post in cantiere sulla schiaccia briaca, che ho assaggiato all’Elba quest’estate in vacanza… Che bontà! 😉
    Buona serata!
    Ilenia

    • 19/09/2013 at 22:30

      A me piace troppo…l’ho finita in due giorni!
      Allora sono curiosa di vedere il tuo post…buonanotte! 🙂

  2. 19/09/2013 at 23:08

    Questa non la conoscevo mica e del resto conosco poco l’Isola d’Elba.
    Ha un aspetto bellissimo ed il tocco di rosso dell’Alchermes le dá una nota in più….mi ricorda molto la ciambella che servivano nelle osterie, da pucciare rigorosamente nel vino.

    La proverò sicuramente perché adoro i dolci con l’olio (anche se ho appena sfornato una torta burrosa) e la frutta secca!!!

    Notte
    Silvia

    • 20/09/2013 at 07:31

      Sì, infatti l’ideale è accompagnarla con un bicchierino di vinsanto o Aleatico. Anche a me piace tanto proprio perché ha la frutta secca, e devo dire che l’olio invece del burro fa la sua differenza. E poi è una caratteristica fondamentale della nostra tradizione culinaria!
      Buona giornata!

  3. 20/09/2013 at 04:28

    Non amo le uvette e mi piace l’idea della sostituzione con le albicocche. Un dolcetto bello tosto dal punto di vista dietetico 🙂 ma del resto, quale dolce non lo è?

    • 20/09/2013 at 07:28

      Ma in realtà a me non sembra dei peggiori…niente burro, né uova, poco olio e la frutta secca che ha solo grassi “buoni”…è tutta salute! O almeno, io pensavo così mentre me lo mangiavo! 🙂

  4. 20/09/2013 at 09:06

    E dopo aver intervistato l’enologa dell’isola dell’Elba, che mi ha parlato di Schiaccia briaca, arrivi tu con questo post…beh, a questo punto ci sono troppi segnali che mi spingono a dare un’occhiata ai traghetti per l’Elba 🙂

    • 20/09/2013 at 09:09

      Decisamente sì! Ne vale davvero la pena, ma rigorosamente fuori stagione…adesso sarebbe perfetto! 😉

  5. 20/09/2013 at 09:33

    aggiunta al contest!!
    grazie e un bacione

    Vale

  6. argh io non l’ho mai assaggiata!! 🙁

  7. 24/09/2013 at 17:42

    Mmmm, interessante, non l’ho mai assaggiata, ma pur essendo piuttosto astemia, penso che in un dolce un goccetto di vino mi ci possa anche piacere! 🙂

  8. 02/10/2013 at 21:08

    Mmmm… Che buona! Bellissimo il tuo blog! Ho messo il “mi piace” su facebook! Se ti va vieni a trovarmi 🙂 ciao, a presto
    Federica 🙂

  9. 17/12/2013 at 17:46

    Grazie della ricetta! L’ho assaggiata fatta dalla padrona dell’appartamento che ci ha alloggiato a Capoliveri ma pensavo si tramandasse di tradizione in tradizione tra gli abitanti dell’Elba non sapevo che le pasticcerie la riproponessero tuttora…meglio così…appena torno la prendo…o forse è meglio che cominci a prepararmela a casa ;-D

    • 17/12/2013 at 20:05

      Mi fa piacere che sia stata utile! Ma in attesa di tornare all’Elba, ti consiglio proprio di farla…non ci vuole niente ed è buonissima!! 🙂
      Grazie per essere passata di qui!
      Alice

  10. 30/05/2014 at 17:10

    Ciao! Ma non ci vuole neanche un po’ di lievito?

    • 30/05/2014 at 17:36

      Ciao Manuela, no il lievito non serve perché non deve venire soffice nè morbida ma resta bella croccantina!
      Fammi sapere se decidi di farla…
      Buona serata!
      Alice

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *