Torta alle ciliegie e cioccolato bianco

C’è stato un tempo, ormai quasi mitologico, in cui Instagram non esisteva e Facebook era relegato a mezzo di comunicazione tra amici e conoscenti, in cui mi piaceva girare tra i blog altrui.
Leggerne le parole, osservare con attenzione le immagini, studiarne le ricette.
Svolazzavo di blog in blog, scoprivo, conoscevo, annusavo. Poco dopo iniziai anche a girare su Pinterest e lì sì che si vedevano cose meravigliose. Foto, innanzitutto, che però diventavano spesso ricette da salvare e mettere da parte per provarle una ad una, con il tempo.

Poi qualcosa è cambiato. La rete dei blog si è ampliata a dismisura, i social hanno conquistato prepotentemente il campo e i contenuti sono proliferati in maniera incontrollabile.
Non che questo sia necessariamente un male, il fatto è che è cambiato anche il mio modo di usufruire della mole di informazioni a disposizione.
La quantità eccessiva spesso disorienta e da molto tempo a questa parte il mio è diventato un “surfare” mordi e fuggi, sempre a rincorrere la foto successiva, il post successivo, l’ultima imperdibile ricetta. Con il risultato che non rifletto più su quello che leggo, consumo voracemente e basta. Nulla di più lontano dal mio modo di essere o, almeno, quello che vorrei fosse il mio modo di essere.

Ho realizzato da un bel po’ questa mia tendenza, ma non sono ancora riuscita ad invertirla. Non ci ho nemmeno provato molto, a dire il vero. Eppure mi dispiace che sia così, e continuo a rimpiagere quei tempi più appassionati e sperimentali.

La torta di oggi è un rifacimento di una vecchia ricetta che avevo dimenticato tra i foglietti degli appunti. Una di quelle che piacciono a me: semplice, veloce e gradita a tutti, perchè dolce e piacevole al palato. All’interno rimane un po’ umida e fondente, quindi attenzione a non cuocerla troppo. Le ciliegie possono essere sostituite con fragole o lamponi e il risultato sarà altrettanto delizioso.

Torta alle ciliegie e cioccolato bianco

Porzioni: 8       Tempo di preparazione: 30 minuti       Tempo di cottura: 50 minuti circa

Ingredienti

250 g di farina 0
170 g di cioccolato bianco
150 g di zucchero di canna grezzo
100 g di burro
2 uova grandi
circa 250 g di ciliegie al netto degli scarti
1 cucchiaino di lievito
un pizzico di sale

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria insieme al burro, mescolando di tanto in tanto.
Denocciolate le ciliegie cercando di dividerle in due metà precise.
Montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Unitevi a poco a poco il composto di burro e cioccolato ormai intiepidito, continuando a montare per un paio di minuti.
Incorporate la farina setacciata con il lievito e il sale, con l’aiuto di una spatola e infine unite circa 180 g di ciliegie, amalgamandole al resto.
Versate l’impasto in una tortiera a cerniera del diametro di 22 cm e disponetevi sopra le ciliegie rimaste, con la parte tagliata verso il basso.
Cuocete in forno a a 170-180° per 50 minuti circa. Controllate la cottura con uno stecchino: l’interno deve restare un po’ umido e morbido. Aspettate almeno un paio d’ore prima di sformare la torta dallo stampo.

Share

You May Also Like

3 comments on “Torta alle ciliegie e cioccolato bianco

  1. 25/06/2020 at 09:14

    Ci penso spesso. E la mia pausa forzata dell’anno scorso mi ha aiutato a vedere alcune cose dall’esterno, con distacco.
    C’è un momento in cui devo chiudere, che mi sento saturata, non del cibo e delle ricette in sé, ma del troppo, e del culto all'”io” che rappresentano i social. Quando ho riaperto un angolo mio, ho deciso infatti di farlo in modo pausato. Di scrivere di cose che potessi raccontare, che avessero un senso, una storia. O di spezie.
    Insomma, ho scelto come dici, un modo più riflessivo. Meno surfare, più leggere su libri, ragionare, pensare, cambiare. E senza questa corsa ai like e ai numeri, solo per il piacere di farlo.
    E sta funzionando.
    C’era stato anche un momento, tra Natale e la Pandemia in cui sembrava che le cose fossero tornate come prima. Tu postavi per caso un dolce, e altri lo replicavano, in un’inattesa spontaneità e non necessariamente da pubblicare sui blog. Si fa e basta, per gusto. Mi è accaduto due volte ed è stato bellissimo.
    Chissà che non ci sia in fondo una speranza <3
    un abbraccio
    e un bacino a Dante
    chissà se

  2. 27/06/2020 at 08:13

    Condivido la tua riflessione.
    Io ho “scoperto” i social da poco, quindi non so come fossero prima.
    Ricordo però i tempi in cui c’erano i blog da seguire.
    Era in effetti un’altra cosa!
    Instagram ti bombarda di immagini e contenuti e si fatica a tenere il ritmo.
    Ma ci sono post che è bello leggere e profili che mi vado a cercare quando resto indietro. Perché mi ci sono affezionata, un po’ come avveniva per i blog.

    • 29/06/2020 at 09:49

      Sì, in fondo sta a noi riuscire a selezionare e dedicare tempo solo a quelo che merita. Rimane il fatto che è più difficile, quando siamo investiti sa un numero altissimo di contenuti, ma vale la pena provare. Grazie per esserti fermata qui 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali in accordo col Dlgs 196/2003.