Torta di mandorle e ricotta senza farina

Ho scritto già tante volte di quanto io ami andare in bici. Abbandonata dopo i giochi di bimba, l’ho riscoperta quando mi sono trasferita in città, dove è diventata la mia fedele compagna in qualsiasi stagione – a patto che non piova.
La trovo una grande forma di libertà: dalle code infernali di auto, dagli orari (e dai ritardi) dei mezzi pubblici, dalla costrizione di stare seduta e rinchiusa in un abitacolo.

Il pensiero di averla fuori uso per qualche giorno (che poi sono diventate settimane) e dovermi arrangiare a vivere senza mi ha inizialmente riempito di insofferenza.
Di prendere il tram non se ne parla nemmeno, ma – del resto – andare a piedi è così lento e noioso!
Eppure quella era l’unica soluzione praticabile, e mi sono adattata.

I cambiamenti che infrangono la nostra routine e che sulle prime ci infastidiscono, però, si rivelano spesso un’occasione per vedere la realtà da un punto di vista diverso e superare la vuota ripetizione di azioni in cui siamo soliti cadere.
In sella alla bici, di fatto, non si ha poi molto agio guardarsi attorno, soprattutto se si è costretti a muoversi tra automobilisti aggressivi e motorini rampanti che ti circondano da ogni parte.
A piedi, invece, si è più tranquilli e si ha tutto il tempo di cogliere i particolari, osservare la città da una prospettiva nuova, fare strade diverse dalle solite.
Un rallentare forzato ma provvidenziale, capitato in un momento in cui l’abitudine stava soffocando la mia capacità di apprezzare quello che mi circonda.
E quindi vado a piedi, con le mie scarpe sformate e il passo placido, a scoprire la bellezza del mondo.

Questa torta c’era già nelle pagine del blog, ma era così tanta la voglia di fotografarla (e di mangiarla di nuovo), che le ho dedicato un nuovo post.
È naturalmente senza glutine, perché fatta con sola farina di mandorle e ricotta. È umida e fondente, profumatissima di limone, forse un po’ troppo dolce per alcuni, ma difficilmente le resisterete.

Questa dose va bene per uno stampo da 20 cm di diametro; io ho usato uno da 18, mettendo 3 uova e riducendo tutti gli ingredienti in proporzione. La ricetta è tratta da qui.

Torta di mandorle e ricotta senza farina

Porzioni: 8       Tempo di preparazione: 15 minuti       Tempo di cottura: 60 minuti circa

Ingredienti

300 g di ricotta di pecora o vaccina
240 g di mandorle (o farina di mandorle)
200 g di zucchero semolato (potete scendere fino a 150 g)
120 g di burro
4 uova
scorza grattugiata di 2 limoni non trattati

per decorare
3 cucchiai di mandorle a lamelle

Frullate le mandorle con 50 g di zucchero fino a ridurle in polvere.
Con le fruste elettriche, montate per qualche minuto il burro ammorbidito con il resto dello zucchero e la scorza grattugiata dei limoni. Unite i tuorli uno ad uno, poi la farina di mandorle e la ricotta ben sgocciolata. Montate gli albumi a neve e uniteli delicatamente al composto, incorporandoli con una spatola.
Imburrate uno stampo da 20 cm di diametro, versatevi il composto, livellate la superficie con una spatola o il dorso di un cucchiaio e cospargetela con le mandorle a lamelle.
Cuocete a 150°C nel forno ventilato per un’ora circa. Fate la prova stecchino per verificare la cottura ma al centro resterà comunque umida. Lasciatela dentro al forno spento per 5-10 minuti e aspettate almeno un’ora prima di sformarla.

Share

You May Also Like

2 comments on “Torta di mandorle e ricotta senza farina

  1. 14/05/2019 at 10:16

    Bello muoversi con lentezza e riscoprire i propri itinerari. Comunque per le emergenze ti ci vuole una bicicletta di scorta… non si sa mai così se ti viene a trovare un’amica forestiera ne hai una in più anche per lei. buona giornata!

    • 15/05/2019 at 23:11

      Questa mi sembra un’ottima idea! 😀 Spero sempre che un’amica mi venga a trovare… 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali in accordo col Dlgs 196/2003.