Grissini con tahina e semi di sesamo

Sono appena tornata dalla montagna e già sogno il mare, il che, per me, è inconsueto.
Ma non sogno un mare qualsiasi, sogno il mare della Grecia.
Non spiagge assolate tappezzate di bagnanti chiassosi, ma il mare divino di Omero, visto dall’alto delle montagne, lontano, immenso e potente, scintillante e misterioso.
Non so perché quest’anno le sirene del mondo ellenico abbiano così tanta presa su di me, sta di fatto che non vedo l’ora di poter riassaggiare un po’ di quella civiltà che ho tanto amato in passato, che è il cuore e l’origine della nostra, di civiltà. Anche se ormai è diventata inciviltà, ma questo è un altro discorso.

Non potendo ancora assaggiarla con gli altri sensi, mi aiuto con la cucina. Poco tempo fa avevo proposto il galaktoboureko, un dolce di pasta fillo e crema al semolino tipico dell’isola di Sifno.
Oggi invece arrivo con una ricetta ben più semplice, tratta da un libro che ho comprato di recente e che credo sarò fonte di grande ispirazione: Greece – The Cookbook, di Vefa Alexiadou, mostro sacro della cucina da greca sulla breccia da almeno sessant’anni, anni luce lontana dalle blogger che giocano a fare le cuoche.

Sono grissini semplicissimi, arricchiti dalla tahina (la crema di semi di sesamo, che si trova nei negozi di articoli naturali tipo NaturaSì o anche nei supermercati più forniti), semi di sesamo e un po’ di miele. Sono facilissimi da fare, la lievitazione è piuttosto breve e si conservano per alcuni giorni ben sigillati in una scatola di latta.

Grissini con tahina e semi di sesamo

Quantità: circa 20       Tempo di preparazione: 20 minuti + 2 ore di lievitazione       Tempo di cottura: 20 minuti

Ingredienti

225 g di farina 0
125 ml di acqua tiepida
1/2 cucchiaino di lievito di birra disidratato
2 cucchiai di tahina
2 cucchiai di miele
1 cucchiaio di olio di sesamo (per me, olio di semi)
1/2 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di lievito in polvere per torte salate (si può omettere)
semi di sesamo

Setacciate la farina, il lievito per torte salate e il sale in una ciotola.
Mettete l’acqua appena tiepida in una ciotola capiente, unite il lievito di birra, mescolate appena con una forchetta e fate riposare 10-15 minuti.
Unite la tahina, il miele e l’olio nella ciotola con l’acqua e amalgamate. Unite la farina a poco a poco, incorporandola con una forchetta e impastate per pochi minuti.
Mettete l’impasto in una ciotola pulita, unta d’olio, copritelo con pellicola a contatto e fate lievitare nel forno spento, appena tiepido, per circa 2 ore o fino al raddoppio del volume.
Trascorso questo tempo, stendete l’impasto su un piano leggermente infarinato, aiutandovi con un matterello, fino a formare un rettangolo di circa 20 x 20 cm.
Spennellate con acqua e cospargete con i semi di sesamo.
Tagliate i grissini (circa 1 cm di larghezza, quindi ne verranno una ventina) e disponeteli su una teglia foderata di carta da forno. Fate lievitare altri 15 minuti.
Cuocete a 170°C per circa 20-25 minuti.

Share

You May Also Like

9 comments on “Grissini con tahina e semi di sesamo

  1. 10/07/2018 at 06:59

    Se il richiamo è così forte bisognerà seguirlo…nulla accade x caso. Sono curiosa chissà dove ti porterà E intanto ti rubo un grissino che mi diverte sempre un sacco preparare.
    Ciao Alice un bacio!

    • 12/07/2018 at 09:19

      Sì Mile…infatti vado 🙂
      Un abbraccio grande!

  2. 11/07/2018 at 17:39

    Adoro il mare della Grecia e proprio come te ho sempre cercato quello un po’ fuori dalle rotte turistiche. Quest’anno devo passare il testimone ma prossimamente voglio tornarci con il mio bimbo 🙂
    Intanto mi consolo sfornando questi grissini, domani mi metto all’opera ^_^

    • 12/07/2018 at 09:18

      Vedrai che presto ci tornerai…insieme a lui che scorrazza in spiaggia 🙂
      Grazie e un abbraccio 🙂

  3. 12/07/2018 at 10:43

    Si conservano per alcuni giorni…che bella battuta 🙂 da me non sopravvivrebbero neanche un’ora

    • 16/07/2018 at 20:39

      Ahahahah, forse hai ragione!

  4. 12/07/2018 at 12:49

    Sulla frase “le blogger che giocano a far le cuoche” mi strappi una risata!!! Come ti ho già scritto, te li ruberò ;-)))

    • 16/07/2018 at 20:39

      Ahahah, meno male…non volevo fare polemica, ma a volte mi pare che ci prendiamo troppo sul serio 😉
      Grazie e spero che ti piaceranno!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *