Torta di pane, mele e uvetta

Calpestavamo le foglie secche quando lei si chinò per raccogliere una pigna. La guadò un istante, poi la gettò di nuovo a terra. “Volevo vedere se c’erano pinoli”, disse alzando le spalle.
Mi sembrò una cosa buffa, questo moto improvviso e subitamente abbandonato, un capriccio infantile, anche se ormai aveva passato i sessanta. Ma raccogliere pinoli non è più una cosa da bambini.

Che bel passatempo che era, sono grata di essere nata in tempo per poterlo vivere.
Con il nonno andavamo lungo la strada che costeggiava il canale, camminavamo a testa china, in un silenzio complice e sereno. Una bustina nella mano, con l’altra raccoglievo i pinoli. Ma si doveva stare in guardia. Quello che sembrava un bel pinolo, a volte era solo un mezzo guscio vuoto, girato a pancia in giù. Con il tempo imparavi a distinguerli, ma ogni tanto ce n’era qualcuno più astuto degli altri che riusciva ad ingannarmi.
Il nonno a volte prendeva le pigne e le scuoteva per vedere se ne usciva qualcosa. Io invece continuavo a raccoglierli da terra, e ogni pinolo era come un prezioso tesoro che mi regalava grande soddisfazione. Tornavo a casa con le dita nere e polverose, e un sacchetto di pepite acciottolanti stretto tra le dita.

Per aprirli li schiacciavamo con un sasso piatto sul gradino della terrazza, ma il colpo doveva essere calibrato: troppo debole, e il guscio non si sarebbe aperto, troppo forte e il pinolo si sarebbe spappolato. E allora, che delusione, che rimpianto per quel pinolo perduto!
Poi il bottino veniva messo nella credenza, la scorta per l’inverno era fatta.
A pensarci adesso, non saprei dire cosa ci facessimo con tutti quei pinoli, non riesco a ricordare un singolo piatto in cui la nonna li usasse. Forse li tenevamo lì solo per mangiarli quando ne avevamo voglia, ma sempre con parsimonia: è dal nonno che ho imparato ad essere formichina.

Sorpresa! In questa torta i pinoli non ci sono, ma avrebbero potuto.
È una torta fatta con pane raffermo, latte e mele, semplice e povera, perfetta per usare il pane avanzato o delle mele un po’ avvizzite.
Non è una ricetta tradizionale della mia famiglia, eppure sono certa che al nonno sarebbe piaciuta molto, lui che amava le mele cotte al forno. Rimane morbida e umida, naturalmente dolce, senza troppi zuccheri aggiunti. Insomma, una di quelle cose che potrei mangiare ad oltranza senza stancarmi mai.

Torta di pane, mele e uvetta

Porzioni: 8       Tempo di preparazione: 15′ + 15′ di riposo       Tempo di cottura: 55′ circa

120 g di pane casereccio raffermo
300 ml di latte intero
3 mele grandi + 1 o 2 per guarnire la superficie
2 uova medie
40 g di zucchero semolato
30 g di zucchero di canna chiaro
20 g di biscotti secchi
4 cucchiai di farina di farro (o altra a vostra scelta)
3 cucchiai di uvetta
succo di limone

Ammollate l’uvetta in acqua tiepida.
Scaldate il latte fin quasi al bollore.
Tagliate il pane a dadini, crosta compresa e mettetelo in una terrina capiente. Versatevi sopra il latte caldo e rimestate energicamente con una forchetta, facendolo assorbire tutto. Lasciatelo riposare una decina di minuti e ogni tanto rimestate, in modo da avere alla fine un composto omogeneo.
Unite le uova, lo zucchero semolato, i biscotti tritati, la farina. Amalgamate il tutto, poi unite 3 mele sbucciate e tagliate a pezzetti (io li ho fatti di circa 2 cm) e l’uvetta scolata e strizzate.
Imburrate una tortiera a cerniera dal diametro di 22 cm e versatevi il composto, livellandolo grossolanamente con una spatola.
Lavate la quarta mela senza sbucciarla, tagliatela a fettine sottili, bagnatela con succo di limone e disponete le fette sulla superficie della torta. Cospargetele con lo zucchero di canna e infornate a 180°C per 55′ circa.

N.B.: la quantità di latte è indicativa, nel senso che ogni tipo di pane ha un diverso grado di assorbimento. Se vedete che dopo un quarto d’ora il pane non è del tutto ammorbidito, aggiungete ancora un po’ di latte caldo, ma pochissimo per volta. Il composto non deve diventare troppo ammollato e assolutamente NON grondante latte!
Se invece vedete che avete aggiunto troppo latte, rimediate con un pochina di farina in più.

Share

You May Also Like

10 comments on “Torta di pane, mele e uvetta

  1. 16/01/2018 at 13:15

    Vero! Il mezzo pinolo a tradimento! E poi l’operazione di sgusciamento sulla soglia della terrazza… doveva essere il metodo ufficialmente approvato. Io li mangiavo via via però, altro che formica…
    L’ultima foto sembra un quadro!

    • 18/01/2018 at 00:17

      Grazie!! Non avevo dubbi…tu sei più cicala 😀 Ma con moderazione, però 😉

  2. 16/01/2018 at 15:01

    Io ho scoperto le torte di pane solo quando sono arrivata in Italia…da noi il pane vecchio veniva riciclato facendo i canederli mentre metterlo nel dolce era quasi un’offesa. Anche il fatto che le pigne contenessero i pinoli era una scoperta italica! Chissà che cosa pensavo… ti communico che questa torta che mi piace tantissimo (ma tu sei la mia fornitrice delle ricette semplici delle torte e le sta divulgando pure mia cognata in giro per la Calabria) la farò sabato per i nostri amici che vengono a cena da noi ma pensavo di mettere il panettone al posto del pane…ormai siamo esausti!! Le tue foto sono sempre più belle ma tu hai un senso di estetica fuori norma e un’elegsnza di cui non ne sei neanche consapevole, quello è il segreto della loro bellezza. Un bacio e a presto!

    • 18/01/2018 at 00:17

      Ne sono stra felice Marina! Spero che ti piacerà anche all’assaggio. E grazie per le tue parole, seni sempre tanto cara 🙂

  3. 16/01/2018 at 19:15

    Che belle atmosfere… genuine come questa torta. Non ce n’è le torte di mele, in tutte le loro declinazioni, hanno una marcia in più e fanno subito famiglia.

    • 18/01/2018 at 00:16

      E’ vero, nulla come le torte di mele danno il senso di casa…forse solo le crostate semplici ci si avvicinano, quelle con la marmellata scura e la griglia fatta di “serpentini” lunghi e irregolari, lavorati a mano…

  4. 16/01/2018 at 20:35

    Torta di pane da sempre, ma con così tante mele non ci avevo mai pensato. Segnata!

    • 18/01/2018 at 00:15

      A me piacciono proprio con tante tante mele…mi fa piacere che tu la voglia provare! 😀

  5. 24/01/2018 at 13:22

    che bella ideaaaaa!!!! non so se i miei bambini gradiranno l’uvetta…e se ci mettessi delle gocce di cioccolato????
    comunque segno e provo!
    le foto sono super….complimenti!

    • 24/01/2018 at 23:12

      Ma certo, andrà benissimo ugualmente 🙂
      Grazie Caterina! 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *