Biscotti al burro di arachidi

Io non sono una gregaria. Mai stata, nemmeno lontanamente.
Lo studio in gruppo all’università, gli sport di squadra, le uscite collettive, tutte cose delle quali ho beneficiato di rado.
Solo adesso mi rendo conto che è stata una perdita, alla quale cerco di rimediare forzando un po’ la mia natura solitaria e prendendo esempio da quelle amiche che riescono così facilmente a solidarizzare e a condividere il tempo libero.

Quello che però non comprendo è quando la voglia di fare gruppo si tramuta in un definirsi attraverso l’opposizione, ossia nel rafforzare i legami non in virtù delle cose in comune ma piuttosto per contrasto verso elementi esterni, che siano gruppi o singoli.
Credo sia un comportamento cui tutti abbiamo assistito dalle elementari in avanti e che non ho mai condiviso. E non soltanto per una questione di principio, quanto perché non mi piace etichettare, dividere tra noi e loro, approvare o disapprovare per partito preso. Se una cosa non mi piace, che la faccia un’amica o meno non importa, rimane una cosa che non mi piace.

E non credo, purtroppo, che sia così scontato. È un atteggiamento molto più diffuso di quanto si creda, anche tra persone che reputo intelligenti. Se uno non fa parte della nostra cerchia, si è subito pronti ad additare, criticare, sbeffeggiare, magari per un comportamento che, se assunto da uno dei nostri, ci lascerebbe indifferenti.
Non lo sopporto. Mi sembra infantile e insensatamente partigiano, oltre che stupido.
E buona giornata.

Biscotti-burro-arachidi

La ricetta è della super affidabile Simona Mirto di Tavolartegusto e pur essendo un classico della cucina americana fino ad ora non li avevo mai provati.
Li ho preparati come regalino di Natale per le amiche ma, sia come sia, riesco a pubblicarli soltanto oggi. Magari vi tornano comodi per il prossimo Natale chi sa.
Se possibile, vedete di non far avanzare troppo burro di arachidi dentro al vasetto perché altrimenti vi ritroverete a mangiarlo a cucchiaiate…e non è salutare!

Biscotti-burro-arachidi

Biscotti al burro di arachidi

Dosi: circa 45 biscotti       Tempo di preparazione: 20′ + 1 h di riposo     Tempo di cottura: 15′

Ingredienti

220 g di farina 00
110 g di burro a pomata
110 g di burro di arachidi morbido
1 uovo
70 g di zucchero semolato
70 g di zucchero di canna chiaro
5 g di sale
punta di cucchiaino di bicarbonato di sodio

Miscelate gli zuccheri, unite il sale, poi montate con le fruste elettriche insieme al burro e al burro di arachidi, per 2′ fino ad ottenere una crema soffice e spumosa. Aggiungete l’uovo e montate per un altro minuto. Unite la farina setacciata con il bicarbonato impastando con la spatola fino ad ottenere un composto compatto. Formate una palla, appiattitela, avvolgetela nella pellicola e mettete in frigo per almeno un’ora.

Trascorso questo tempo, prendete l’impasto e staccate delle piccole porzioni di pasta (15 g circa) che rotolerete brevemente tra le mani per formare delle palline. Disponetele sopra ad una teglia rivestita di carta forno e schiacciatele delicatamente premendovi una forchetta, così da ottenere le righe incise. Ponete in frigo per 20′. Infornate a 180°C per 15′.

Biscotti-burro-arachidi

Share

You May Also Like

16 comments on “Biscotti al burro di arachidi

  1. 21/02/2017 at 23:46

    Dal tempo dei “barbaroi” riconoscersi attraverso la definizione del diverso è un meccanismo umano semplice quanto efficace, e secondo me non è necessariamente negativo. Come ogni presa di posizione, però, si presta a forzature; e quando le ragioni che la sostengo sono meschine, ottuse e nemiche del buon senso scatta l’irritazione… Non resta che pensare: “Ma io (noi?) non sono così!”

    • 23/02/2017 at 16:23

      Hai fatto un commento troppo colto…non so che rispondere! 😀

  2. 22/02/2017 at 12:42

    Bella la tua riflessione. Amo lo sport di squadra, mi piace il gruppo (quando funziona), a l’università ne ho scoperto l’importanza tardi. Mi piace il gruppo che si crea sulla base delle affinità, dove però ognuno mantenga la propria individualità.
    Ecco questi biscotti li avrei rifatti subito, se non avessi finito a cucchiate il burro d’arachidi che ho usato recentemente per una salsa. Toccherà ricomprarlo

    • 23/02/2017 at 16:22

      Non a caso mi aveva colpito la vostra salsa dia rachidi per il pollo! Per me è una vera a propria dipendenza 😀

  3. 23/02/2017 at 13:10

    Purtroppo è vero, quando si è un gruppo si tende anche a spalleggiarsi o ad appoggiare comportamenti che normalmente non condivideremmo. Sicuramente è meglio essere sempre chiari, non è che perché si è amici, si debba sempre essere d’accordo.
    Forse in passato li ha fatti anche Anna Luisa questi biscotti, sono deliziosi!

    • 23/02/2017 at 16:24

      A volte secondo me si perde in obiettività. E invece a me piacerebbe sempre essere la stessa con tutti, in termini di giudizi e valutazioni. Ma mi rendo conto che non sia semplice.
      I biscotti, però, hanno messo tutti d’accordo 🙂

  4. 23/02/2017 at 15:15

    Io sono una che il gruppo lo ama, invece. Mi sono sempre piaciute e ancora oggi mi piacciono, le uscite di gruppo. Ma sono aperta, il mio motto é più siamo meglio é. Esclusione e giudizi non fanno per me, questo si. Credo che di questa cosa potremmo parlarne all’infinito, magari quando ci vediamo ti racconto pure un paio di episodi che mi hanno davvero lasciata basita. Mi raccomando pero, portami una dozzina di questi biscotti(sara l’effetto Simona, ma sono perfetti), visto che mentre leggevo stavo giusto facendo colazione con fette biscottate e burro di noccioline!
    Un bacione cara Alice!

    • 23/02/2017 at 16:26

      Ecco, Margherita, questa è l’idea di gruppo che mi piace. Inclusiva e aperta, tipica – secondo me – delle persone intelligenti e dei caratteri forti. Che non sono facili da trovare 😀
      Sono curiosa di sentire i tuoi racconti e spero che ci sia presto occasione per farlo…magari davanti ad un tè con biscotti.
      Un abbraccio!

  5. 23/02/2017 at 19:23

    Già sagge parole…ho diversi ricordi distinti. E se mi soffermo un altro po’ a pensarci su, mi ritrovo anche dalla parte della “unita contro”. Non è facile stare al mondo. Credo un buon punto di partenza sia di riconoscersi largamente fallibili; il confronto e l’ascolto (ascoltare NON sentire) aiutano; concludiamo con la capacità di riconoscere i propri eorri anche e soprattutto nei confronti di chi quell’errore lo hanno “subito”. Caratteristiche umane, sulla carta, ma rare da trovare. Non molliamo Alice!

    • 23/02/2017 at 22:47

      Cara Milena, come sempre hai toccato un punto fondamentale. Che noi stessi (io stessa, nonostante quello che ho scritto), non siamo infallibili e sarà certo capitato di trovarci dalla parte degli “uniti contro”. Non è bello, ma secondo me l’importante è rendersene conto e cercare di fare meglio la volta successiva. E comunque, a volte ho l’impressione di essere sempre bambina, e di non riuscire a migliorare mai me stessa…
      Grazie per le tue riflessioni sempre sagge 🙂

  6. 23/02/2017 at 20:17

    La penso esattamente come te e non ho mai sentito l’esigenza di entrare in un gruppo per sentirmi meglio definita. Il gruppo funziona solo nella pluralità, se diventa occasione di esclusione è potenzialmente pericoloso e impedisce di arrivare alle ragioni altrui. Il burro di arachidi? Sai che non l’ho mai assaggiato?

    • 23/02/2017 at 22:48

      Ecco. Non lo assaggiare. Lo dico per te 😀
      E quel che dici è vero, a volte rischia davvero di diventare elemento di esclusione, e non c’è niente di più triste.

  7. 24/02/2017 at 14:36

    Mi piace stare in gruppo e fare tante cose con chi la pensa come me, ma non nascondo mai il mio pensiero e se non piace pazienza, come dice la mia amica Renata non dobbiamo mica piacere a tutti no? Questi biscottini invece mi piacciono da impazzire e di sicuro non aspetto Natale per farli 🙂

    • 24/02/2017 at 22:22

      Verissimo! Io dovrei ripetermelo più spesso, che non si può piacere a tutti…è un pensiero liberatorio!!
      Grazie Ely 🙂

  8. 01/03/2017 at 12:02

    A me le voci fuori dal coro sono sempre piaciute, quando ovviamente alla base c’è una voglia di ribellarsi all’omologazione e si ha il coraggio di dire e avere il proprio pensiero… senza per questo sentirsi diversi o in difetto, perchè la libertà personale, di ogni idea, viene prima di tutto! Altra cosa è fare gruppo per sentirsi più forti e avere le spalle coperte, peggio ancora se il gruppo mira a screditarne altri, guardando storto… ma quello sta all’intelligenza del singolo, capire quando è bene schierarsi insieme e quando invece è meglio seguire una propria strada, in cui si crede… e poi io sono gatta a volte un po’ orsetta, sto solo con chi stimo e mi piace, vado molto a istinto e come te tendo più a “fare per conto mio”, a meno che non trovo intese belle e affinità! Che dici, quindi, mi posso prendere i biscotti un po’ staccati dagli altri? 🙂
    ps: piacere a se stessi è la più grande conquista e regalo che possiamo farci… lo sto capendo sempre di più…

    • 01/03/2017 at 19:14

      Io sono come te cara Francesca, m definisco un po’ orsetta! 😀 Ma non credo che sia poi un male, io sto bene da sola e per questo mi sembra di godermi meglio la compagnia degli altri, quando ne ho l’occasione. E anche io sarei andata a prendere i biscotti caduti un po’ più lontano… 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *