Brigadeiros – Tartufini brasiliani al cacao

L’anno è cambiato e io ho trascorso il passaggio nel modo che preferisco.
Con gli amici di sempre, tra uno scherzo e una risata, a giocare ad una goliardica e surreale tombola dei troiai, che ci ha lasciato appena il tempo per un brindisi di mezzanotte, per un guardarsi negli occhi tutto speciale tra noi due, una scintilla e poi via.

Tutto scorre, e non è un passaggio rituale a cambiare le cose. Non che me lo aspettassi. Ma leggere 2 gennaio sul calendario, dà comunque un senso di ripartenza, di rinnovamento. Che invece non esiste in me, anzi.
Per la prima volta da molto tempo mi sento inquieta, come alla ricerca di un senso maggiore di quello che invece so essere l’unico a cui possiamo aspirare, se siamo sinceri con noi stessi.
Come se avessi bisogno di un cambio di passo, cerco il capo di un filo che non è aggrovigliato ma si avvolge su se stesso senza portare da nessuna parte.
Forse sono crisi cicliche. O forse no, forse devo ascoltarmi meglio, per capire. E poi vedere il da farsi.

brigadeiros-tartufi-brasiliani-latte-consendato

Quando li ho visti apparire sulla sua pagina Facebook (giusto perché avevo detto che volevo disintossicarmi) sono andata subito a leggermi la ricetta e poi li ho accantonati in un angolo della mente.
Ma quando ho iniziato a pensare a un fine pasto dolce e poco impegnativo (sia da fare che da mangiare) per la sera di Capodanno, ecco che sono di nuovo balzati alla mente.
E se una cosa la propone l’Araba felice, potete star certi che sarà di facile esecuzione e successo assicurato: è o non è lei ad avere il copyright delle ricette furbe?!

brigadeiros-tartufi-brasiliani-latte-condensato

I brigadeiros sono dolcetti brasiliani che, pur se di recente invenzione (forse risalgono agli anni della Seconda Guerra Mondiale, quando il latte condensato era usato come surrogato) sono diventati popolarissimi e diffusi ovunque, nel Paese e fuori. Sembra addirittura che sia consueto mangiarli col cucchiaino direttamente dalla pentola e per questo sono chiamati spoon brigadeiros. Ma se vi venisse in mente di farlo, declino ogni responsabilità.

Si conservano in frigo e all’interno rimangono morbidi, quasi della consistenza del mou ma senza essere gommosi. Sono perfetti per un buffet di dolci, per un ritrovo di amici, per un compleanno dopo la torta, si fanno con 3 ingredienti e possono essere personalizzati a piacimento. Io già pregusto una versione alcolica al rum, ma potete aggiungere frutta secca, frutta fresca o disidratata, aromi e spezie a piacimento.

brigadeiros-tartufi-brasiliani-latte-condensato

 

Brigadeiros – Tartufi al cacao e  latte condensato

Porzioni: circa 25 tartufi       Tempo di preparazione: 20′ + 2 h di riposo       Tempo di cottura: 30′

Ingredienti

400 g di latte condensato
30 g di burro
2 cucchiai di cacao amaro
poca acqua
granella di nocciole, cocco rapè, zuccherini, cacao in polvere per guarnire

Mettete in una pentola il latte condensato e il burro e portate su fuoco basso. Sciogliete il cacao amaro in poca acqua bollente, mescolando bene per evitare grumi, poi versatelo nella pentola con il latte condensato. Cuocete per 25-30′ a fuoco dolce, mescolando di continuo con una frusta. Quando il composto si è addensato spegnete, coprite con pellicola a contatto e fate raffreddare a temperatura ambiente. Di questi tempi, bastano un paio d’ore.

Preparate dei piatti con la granella di nocciole, il cocco rapè o tutto ciò con cui volete ricoprire i tartufi. Formate una pallina con l’aiuto di due cucchiaini (il composto risulterà appiccicoso), poi rotolatela nella granella di nocciole, aiutandovi con le mani. Proseguite fino ad esaurimento del composto. Riponete in frigo fino al momento di servire. Durano anche una settimana, se non li mangiate.

brigadeiros-tartufi-brasiliani-latte-condensato

 

Share

You May Also Like

14 comments on “Brigadeiros – Tartufini brasiliani al cacao

  1. 04/01/2017 at 13:00

    Ho letto il tuo post e a parte la ricetta come sempre preziosa, mi ha colpito la descrizione del tuo stato d’animo
    È come se avessi dato corpo a come anch’io mi sento, una condivisione di sensazioni che anche molte mie amiche dividono in questo particolare momento.
    Sono i tempi, è l’aria di tempesta che è sospesa sul mondo intero… Ma ciò che è interessante è che le persone sensibili come noi ne sentono un contraccolpo personale nel proprio mondo quotidiano.
    Forse le soluzioni migliori verranno da questo piccolo io-dentro… Un abbraccio e buon anno! Patrizia

    • 04/01/2017 at 20:44

      Cara Patrizia, grazie per le tue parole. Da un certo punto di vista è consolante sapere che non si è soli nella nostre incertezze, difficoltà e contraddizioni quotidiane. E’ come se tu avessi fatta elevare in alto, come in vole d’uccello, a guardare dai tetti di varie città sparse ovunque. Per vedere donne come me che, ognuna a suo modo, cerca di far quadrare il cerchio del proprio io. Che però è mobile e la quadratura non si trova mica una volta per tutte! 🙂
      Tanti auguri di buon anno…che ci porti buone cose e non ci faccia mai mancare la riflessione su noi stessi.
      Un abbraccio,
      Alice

  2. 04/01/2017 at 14:29

    Saranno finiti in un lampo! Comunque questi li giro alla primogenita che li apprezzerà come meritano

    • 04/01/2017 at 20:41

      Giuro! Spazzolati! Vedrai che piaceranno a tutti…impossibile resistere! 🙂

  3. 04/01/2017 at 15:19

    Buoni, eh? 😉
    Un bacione e buon anno!

    • 04/01/2017 at 20:40

      Strepitosi!! 😀

  4. 04/01/2017 at 22:17

    Li conosco e sono davvero deliziosi 😀

    • 04/01/2017 at 22:56

      Pensa che io non li avevo mai sentiti nominare…che grande scoperta! 😀

  5. 05/01/2017 at 19:40

    …pensiero importante e profondo da non accantonare, probabilmente da tirare fuori e guardarlo dritto dritto in faccia. Avrà cose sensate e interessanti da comunicare.
    Tira via però questi tartufi perché distraggono! ( e così chiudo sfumando :-*)

    • 06/01/2017 at 17:29

      Che c’è sempre bisogno di un po’ di leggerezza 😀
      Saggia come sempre, sei 😉

  6. 07/01/2017 at 19:41

    Grazie per la ricetta e complimenti per il blog, mi piace molto!! 🙂 Buon fine settimana!! 🙂

    Ti/Vi aspetto sul mio blog di cucina: http://blog.giallozafferano.it/dolcisalatidielisabetta/ ; e su quello mio personale: http://ilblogdielisabettas.blogspot.it

    • 08/01/2017 at 17:35

      Grazie a te Elisabetta! 🙂

  7. 15/03/2018 at 12:59

    Mi sono usciti malissimo, ricetta sbagliata e sapore strano!

    • 16/03/2018 at 21:12

      Mi dispiace, forse hai sbagliato qualche passaggio… E’ una ricetta collaudata e rifatta molto volte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *