Piccoli esperimenti di felicità – Hendrik Groen

Hendrik Groen ha ottantatré anni, vive in una casa di riposo di Amsterdam e non ha parenti né amici. Inizia a scrivere un diario e, a differenza di quanto si possa immaginare, è una lettura divertente.
Inizialmente apatico, Hendrik si scuote a poco a poco e, con timore e circospezione, si avvicina ai pochi ospiti della casa di riposo che gli vanno a genio. Una sorta di aggregazione spontanea, che porta alla fondazione del club Vemamimo: vecchi-ma-mica-morti. Ossia, come opporsi al decadimento fisico e mentale facendo ricorso alla risorsa più potente che abbiamo: la condivisione con i nostri simili.
I vecchietti organizzano piccole gite e attività (un corso di cucina, una lezione di golf, la visita ad un museo), prendono il caffè insieme, si ritrovano nelle loro stanze per piacevoli aperitivi. Piccole iniziative che suonano rivoluzionarie nell’ambiente di abbandono umano e inerzia mentale dell’ospizio. Tanto da attirare le invidie degli altri occupanti e provocare tentativi di sabotaggio da parte della temibile direttrice.
Ma l’attività del club prosegue e il gruppo si rafforza, tanto  deciso nella volontà di continuare a vivere in maniera dignitosa riscoprendo qualche piccolo piacere, quanto fisicamente tremolante e fragile nei suoi componenti.

Hendrik ha un ottimo senso dell’ironia: le sue osservazioni sui vecchietti dell’ospizio, asciutte e sintetiche, divertono e spiazzano, collocate a metà strada tra candore e cinismo. I piccoli incidenti quotidiani che capitano ai poveri vecchietti, riportati in maniera impietosa e politicamente scorretta, suscitano l’ilarità del lettore e si alternano a episodi surreali altrettanto esilaranti.

Tendente naturalmente al pessimismo – anche a causa di episodi di vita pregressa – Hendrik è ancora più ammirevole nei suoi sforzi per non abbattersi e trovare qualcosa di piacevole anche in una situazione che spingerebbe facilmente alla depressione e all’abbrutimento.
Non esclude la “dolce morte” per mezzo di una pillola fornita dal medico, ma vuol vedere se la vita può riservargli ancora qualcosa di bello, e questa possibilità rimane sempre sullo sfondo come una possibile salvezza, ma anche un’extrema ratio da evitare fin quando possibile.

Lungi dall’essere edulcorato, Piccoli esperimenti di felicità tocca apertamente il tema dell’eutanasia, dell’Alzhaimer, del decadimento fisico descritto da chi lo avverte sul proprio corpo e fatica ad accettarlo.
Il tutto è affrontato in maniera lucida e schietta: Hendrik non si nasconde davanti alle cose spiacevoli, anche quando ne ha umanamente paura, e il lettore lo segue nel suo percorso di vecchio intelligente e consapevole, non senza momenti di tristezza e profonda riflessione.
Impossibile non immedesimarsi in lui, al di là dell’età e delle condizioni di vita di ciascun lettore, per come egli si mette a nudo: del resto, stiamo leggendo un diario.

Momenti di quieta gioia si alternano a sofferenze e fosche previsioni sul futuro, ma Hendrik reagisce, vive i suoi alti e bassi, si tiene su. E questa umanità fa compassione, nel senso letterale del termine, ci fa sentire come lui e insieme a lui. A tutti capita di provare i suoi stessi sentimenti, semmai non siamo abbastanza onesti da confessarceli.

La curiosità è che l’identità dell’autore, che usa uno pseudonimo, è sconosciuta e si è scatenata una vera e propria caccia all’uomo, che al momento non ha dato frutti.

 

groenPICCOLI ESPERIMENTI DI FELICITA’

Autore: Hendrik Groen

Edizioni: Longanesi

Anno: 2015

Pagine: 330

Prezzo: 14,99 euro

 

Share

You May Also Like

6 comments on “Piccoli esperimenti di felicità – Hendrik Groen

  1. 05/06/2016 at 22:38

    Ho letto la tua recensione del libro “Piccoli esperimenti di felicità” e lo sto leggendo, devo dire con piacere. Lavoro in una casa di riposo e quindi immagino i miei vecchietti (alcuni li ritrovo perfettamente con i loro vizi, caratteracci, battute simpatiche). In certi punti è davvero divertente!!!

    • 06/06/2016 at 08:51

      Ciao Silvana, sono davvero felice di sapere che il mio suggerimento ha colto nel segno!
      Oltre che molto divertente, questo libro mi è stato utile per sforzarmi a capire un pochino il punto di vista degli anziani, che nella nostra società sono molto emarginati. Chi fa il tuo lavoro deve avere senza dubbio una sensibilità tutta speciale.
      Grazie per questo riscontro, mi hai fatto davvero piacere!
      Un saluto,
      Alice

  2. 18/11/2016 at 13:06

    Questo post me l’ero perso, non so proprio come mai. Forse è stato il periodo in cui non mi arrivavano le notifiche via mail. Fortuna che ne hai riparlato nell’ultimo post. Aggiungo anche questo all’elenco perché mi ispira.

    • 18/11/2016 at 17:48

      Sì, penso fosse quel periodo lì. Mi è piaciuto davvero molto 🙂

  3. 13/03/2018 at 11:52

    Ho questo libro sul comodino (virtualmente, perchè in realtà è nell’iPad) da settimane in attesa che io finisca la mia annuale rilettura di Harry Potter e mi hai messo ancora più voglia di cominciarlo

    • 14/03/2018 at 22:44

      Ma sai che invece io penso da secoli che vorrei rileggere Harry Potter? Mi è piaciuto così tanto, mi manca quel mondo incantato. Devo trovare il tempo per tornare un po’ bambina 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *