Scottish Cookery #1

united_kingdom_640

Ragazzi, ma quanto è bella la Scozia?!

Spazi immensi, che dispiegano panorami intensi e sorprendenti.
Una luce diffusa, distensiva, intensa ma mai violenta. Una luce divina e quasi soprannaturale.
Orizzonti infiniti, dove lo sguardo spazia sempre più avanti, sempre oltre, senza mai trovare un punto di arrivo.
20140709_182041

La natura si veste di colori intensi, brillanti e profondi.

Il vento è compagno di chi si avventura nei sentieri di collina, di chi si affaccia sulle scogliere, di chi sosta nell’ombra delle verdi vallate.
Canta il passato mitico di questa terra, la solitudine fiera di chi vi ha vissuto e la grandezza degli spiriti che hanno combattuto per essa.

Torrenti, stagni e rivoli d’acqua compaiono all’improvviso da ogni parte, annunciando lieti il fresco rigoglio delle valli scozzesi.

Il mare si insinua in ogni fessura, entra dentro la terra, accompagna i viaggiatori per un tratto, e il suo saluto non è mai un addio.
Il mare è una presenza maestosa e sicura, che plasma la vita e le menti di questa gente.

img_6666

Ogni alterazione atmosferica provoca cambiamenti radicali: da un’atmosfera idilliaca e serena è facile passare, in una manciata di minuti, ad un’ambientazione cupa e fascinosa.

Ma non voglio annoiarvi con le mie suggestioni da rientro, mi sono già dilungata troppo.
Torno ad argomenti più prosaici e vi svelo qualche particolare della tavola scozzese che, tra le varie meraviglie di questa terra, ha un ruolo non trascurabile.
Ho assaggiato quasi tutti i piatti di cui vi parlo, ma non ho foto a disposizione perché odio l’idea di fotografare il cibo al ristorante. E, quando vengo servita, il mio primo pensiero è quello di mangiare, non certo di tirare fuori lo smartphone!
Accompagno questo articolo, quindi, con alcune delle foto che ho scattato durante il viaggio. Foto non certo da professionista, fatte con una semplice compatta, ma che spero possano darvi almeno una vaga percezione di quello che vi aspetta se mai deciderete di visitare la Scozia.

img_6761

E allora, iniziamo dalla colazione!
Oltre al consueto assortimento di cereali, yogurt e frutta, e al classico pane con burro e marmellate homemade, è immancabile la Traditional Scottish Breakfast, un vero e proprio pasto che vi sazierà per il resto della giornata.
Nella sua formula completa si compone di uova (a scelta tra strapazzate, in camicia o al tegamino), pomodori, funghi, bacon e sausage, ai quali si aggiunge, a volte il black pudding e il salmone affumicato. Il black pudding è una sorta di sanguinaccio molto diffuso in UK, fatto con sangue di maiale e farina di avena, servito a fette, generalmente bollito o grigliato (ma può anche essere fritto!).
In questa commistione di dolce e salato si inserisce il porridge una sorta di zuppa (ma sarebbe più corretto definirla pappa) costituita da avena cotta nel latte, al quale si possono aggiungere dolcificanti vari (io ho scelto il Golden syrup), frutta secca o cereali.

20140705_145958

Il pasto principale della giornata, invece, si apre generalmente con una zuppa più o meno sostanziosa. Se pranzate in un pub o in un bistrot, non dimenticate di consultare la lavagna di ardesia dove vengono scritti gli “specials” e la “soup of the day“.
Tra quelle più comuni ci sono la zuppa di lenticchie, la zuppa di  pomodoro e la creamy cauliflower soup, una goduriosissima crema di cavolo con tanto tanto cheddar (un formaggio vaccino diffusissimo in tutto il Regno Unito).
Più tipicamente scozzesi, e altrettanto diffuse, sono la Scotch Broth e il Cullen Skink. La prima è una minestra di verdure arricchita con pezzi di manzo, legumi secchi e avena.
Il Cullen Skink è una cremosissima zuppa con porro, patate a tocchetti e pezzi di eglefino (pesce simile al merluzzo), che la rendono molto gustosa e saporita.

Tra le portate principali spicca l’haggis, il vero piatto nazionale scozzese. E’ un impasto di fegato, cuore e polmoni di pecora, macinati non troppo finemente con cipolla, lardo e farina d’avena e cotti tradizionalmente all’interno dello stomaco della pecora (ma al giorno d’oggi per la cottura però si usano involucri come quelli per le salsicce). A sentirlo così può sembrare tremendo, ma vi assicuro che è delizioso, saporito e niente affatto pesante. Viene servito con purè di patate (tatties) e purè di barbabietole gialle (neep). La dicitura completa del piatto è “haggis with neep and tatties” e in genere viene servito con una strepitosa salsa cremosa a base di whisky. E’ così tipicamente scozzese che persino il poeta nazionale Robert Burns gli ha dedicato una composizione in versi!
L’haggis è stato per secoli un piatto povero, cucinato con gli scarti e le parti meno pregiate della pecora, ma saporito e nutriente. Nella cucina moderna è stato reinterpretato in un piatto molto diffuso, il Balmoral Chicken: sono petti di pollo ripieni di haggis e avvolti nel bacon, ovviamente con il consueto accompagnamento di neep and tatties and whisky sauce.

img_6454

Con tutti i fiumi, laghi e chilometri di coste a disposizione, in Scozia non manca certo il pesce. Tra i piatti più diffusi c’è il salmone affumicato, che niente ha a che vedere con quello che conosciamo noi. Io l’ho mangiato sotto forma di trancio ancora fresco e morbido, roseo, dall’affumicatura persistente ma non invasiva… Un sapore difficile da descrivere ma che non avevo mai provato prima d’ora.
Anche le aringhe vengono servite affumicate (kippers) oppure sono passate nella farina di avena e fritte o grigliate, versione che io preferisco perché più delicata e ugualmente saporita. Non ho avuto invece modo di assaggiare la trota, che pure dovrebbe essere piuttosto comune. Il pesce, comunque, viene sempre servito su un letto di insalata mista e accompagnato, in un piattino a parte, da due fette di pane (ne ho trovato di tutti i tipi, non solo scuro) da imburrare.

Tra l’onnipresente hamburger declinato in varie salse (è il caso di dirlo) va segnalato quello con carne di Angus: si tratta di una razza bovina tipica delle contee di Aberdeen e Angus, particolarmente apprezzata per la morbidezza e adiposità delle carni. Le vacche sono di colore nero o rosso mattone, con pelo raso e senza corna.

Ma per questa volta credo di avervi detto già troppo… Vi lascio in sospeso fino al prossimo post, dove vi racconterò qualcosa dei dolci, delle bevande e…di quella che per me è stata la migliore scoperta a tavola!

Share

You May Also Like

27 comments on “Scottish Cookery #1

  1. 24/07/2014 at 15:00

    Sono sicura che mi piacerebbe moltissimo! Il tuo racconto mi ha fatto venire ancora più voglia di visitarla. 🙂

    • 24/07/2014 at 15:13

      Sono contenta di averti invogliata…secondo me potrebbe piacerti… Ci sono molti aspetti dell’Inghilterra ma più sali verso le Highlands e più il paesaggio si trasforma, e ti trovi in un mondo remoto e affascinante… Davvero un bel viaggio da fare!

  2. 24/07/2014 at 15:30

    <3 <3 <3 Beeeelloooo… Per me pollice verso per il porridge, ma salmone affumicato forever… Quello affumicato a caldo, soprattutto! E quanto saranno belli (oltre che buoni, disgraziatamente per loro) i mucchi pelosi!?!

    • 24/07/2014 at 15:38

      :-D:-D:-D Una buona parte della riuscita del viaggio è merito tuo!! Anche a me il porridge non ha appassionato…o almeno non certo ler colazione!!
      Alla prossima puntata vedrò di mettere una foto di un mucco peloso delle Hihglands… 😉

  3. 24/07/2014 at 16:33

    bellissimo post! complimenti!

  4. Sei un’ottima reporter e bravissima a raccontare e appassionare i tuoi lettori!
    Attendo con ansia la prossima puntata, anche se credo che avró delle anticipazioni tra un paio di giorni. I am looking forward to seeing you 🙂

    • 24/07/2014 at 20:24

      Davvero?! Grazie! :-D:-D:-D
      Tu avrai tutti i racconti a voce…non vedo l’ora anche io!
      Baci!

  5. 24/07/2014 at 21:11

    Che meraviglia di vacanza…complimenti

    • 24/07/2014 at 21:34

      Grazie!! Spero di aver trasmesso almeno un pizzico della meraviglia che ho provato nel visitare questo Paese!

  6. 25/07/2014 at 00:25

    sono curiosissima per il prossimo post che attendo impaziente…ma che splendide foto…trsmettono tutto quello che hai scritto!!! sei stata chiarissima ed efficace…stupendo !!!!! voglio andarci anche iooooooooooooooooooo …è proprio come lo immaginvo!!

    • 25/07/2014 at 04:31

      Grazie!! Le foto sono un po’ così… sono ancora qui che medito se comprare una macchina decente…chissà, magari per il compleanno! 😉
      Sono certa che ti piacerebbe… Ma nel frattempo ci devi raccontare la Grande Mela! Un abbraccio!

  7. 27/07/2014 at 08:32

    ho appena finito di leggerti e già sono trepidante per la prossima puntata! 🙂 sarà che ci osno di mezzo i dolci… 😉
    che posti meravigliosi! io in scozia sono stata per 1 settimana quando ero al liceo in vacanza studio e ovviamente non ho saputo vivermi quei luoghi incantati come farei adesso. infatti è ancora in cima alla lista dei desideri! 🙂 E oggi me ne ha i fatto tornare una grande voglia!!!!!

    • 27/07/2014 at 17:47

      Sai che anche io c’ero stata alla fine del liceo? Ho scoperto che mi ricordavo ben poco, ed oltre ad Edimburgo avevamo fatto giusto un paio di escursioni… Rivederli da grande e in autonomia è tutta un’altra cosa! 🙂

  8. 27/07/2014 at 20:08

    Wow! Che paesaggi bellissimi!

  9. 28/07/2014 at 13:54

    deve essere meraviglioso a vedere le foto…però del tuo piatto preferito non mi hai mica detto??? aspetto il post con le pietanze dolci e le bevande perché l’haggis ed io non andiamo molto d’accordo…
    un bacione

    • 28/07/2014 at 14:07

      È vero…in realtà non è esattamente un piatto… Tra poco svelerò l’arcano 😉
      Un bacio e in bocca al lupo per tutto…ti immagino tanto indaffarata! 😀

  10. 28/07/2014 at 17:39

    Mazza che stomaco questi scozzesi..sarà l’aria frizzante che respirano che li rende sempre così affamati?? Di sicuro è una cucina molto tradizionale, radicata strettamente ai loro prodotti locali..fatta di ricette che si tramandano di generazione in generazione.. Bello viaggiare e assaporare appieno la cultura locale anche attraverso la cucina..allora aspetto il racconto dedicato ai dolci..che già so mi stimolerà parecchio! 🙂
    baci
    Anna

  11. 28/07/2014 at 22:52

    Ecco un altro posto dove dove andare… aiuto, la lista è infinita, quasi più di quella delle ricette da provare, ahaha! Una mia amica è tornata poco fa dalla Scozia e me ne ha parlato tanto bene… vedere le tue foto aumenta la curiosità! Il clima un po’ mi spaventa, avendo il sole nelle vene, però sono pronta a tutto pur di scoprire un luogo che so che mi affascinerà e in fondo vedo anche scorci azzurri… 🙂
    ps: credo che la colazione sarebbe il mio pasto principale!

    • 29/07/2014 at 10:59

      È vero, la lista dei viaggi è proprio come quella delle ricette!! 😀
      Te la consiglio vivamente… Anche io ero un po’ preoccupata per il meteo e invece…abbiamo avuto tantissimo sole!! Non ci potevamo credere…addirittura qualche volta avrei preferito un tempo un po’ più “tempestoso” per apprezzare meglio l’atmosfera del posto 😉

  12. 31/07/2014 at 18:09

    In Scozia non sono mai stata ma da come la descrivi mi ispira tanto, il vento ed i paesaggi che cambiano rapidamente mi ricordano i giorni in Irlanda, sulla costa ovest, Galway e il Connemara, dove gli alberi crescono piegati dal vento! Che posti!
    Bello questo primo excursus sulla tavola scozzese, alcune cose le ho mangiate anche se in inghilterra, come il black pudding per esempio, poi mi ispira la zuppa con porri patate e pesce! :)….l’haggis mi ispira meno! 😉
    Baci

    • 31/07/2014 at 19:12

      Ecco, io invece il black pudding l’ho saltato…non me la sono sentita! 🙂
      La Scozia è davvero molto bella, per un’amante del Regno Unito e dell’Irlanda è sicuramente da visitare. E’ molto diversa dall’Inghilterra, più selvaggia e al naturale…si respira un’aria bellissima. 😀

  13. 09/08/2014 at 18:24

    Bellissime foto, paesaggi e descrizioni, quanto al cibo tipico, mi sa che non ci sarebbe molta “trippa” per me se mai dovessi avventurarmi in codeste zone, ma con tutta quell’erba, alla fine, vuoi mette che scorpacciate? 😀

    • 09/08/2014 at 18:31

      Forse faresti anche te come le miriadi di pecorelle che abbiamo visto, che stanno tutto il giorno a brucare l’erba! Ma guarda che ci sono tante zuppe buone che secondo me ti piacerebbero…appena rinfresca ne farò qualcuna!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali in accordo col Dlgs 196/2003.