Ciambella pasquale

bandiera

Sono passati molti anni da quando, la ciambellaok
mattina di Pasqua, ci trovavamo a casa dei nonni per la tradizionale colazione: “ciaccia di Pasqua” (che sarebbe una torta salata al formaggio), capocollo, uova sode e vino rosso.  Per concludere, uno spicchio di ciambella.
Nella mia famiglia quella tradizione oggi non esiste più, ma rimangono i bei ricordi di quando ero bimba e la ricetta di questa ciambella, semplice e dal gusto delicato.

Con questa dose vengono due ciambelle del diametro di circa 30 cm, giuste giuste per sfamare un esercito. Ma se dovesse avanzare, è perfetta per essere inzuppata nel latte al mattino o accompagnata con il vinsanto la sera.

 

CIAMBELLA PASQUALE

  • 500 g di farina
  • 110 g di burro
  • 200 g di zucchero
  • 3 uova
  • 100 ml di latte (o vinsanto)
  • 1 bustina di lievito
  • scorza grattugiata di un’arancia

Setacciate la farina con il lievito, unite le uova una alla volta, poi lo zucchero e il burro fuso. Aggiungete la buccia d’arancia e il latte fino ad ottenere un impasto morbido e leggermente appiccicoso.  Dividete l’impasto in due parti; con ognuna di esse formate un “serpente” e arrotolatelo a ciambella. Cuocete a 180° per 20 minuti.

Share

You May Also Like

6 comments on “Ciambella pasquale

  1. 30/03/2013 at 16:10

    … e le tazzine non sono scelte a caso, vero?

    • 30/03/2013 at 16:12

      Brava Fancyhollow!! Sono proprio quelle dei miei nonni, con le loro iniziali. Complimenti per la memoria e l’attenzione ai dettagli… 🙂

  2. 31/03/2013 at 18:24

    mi piace molto qui, il tuo blog, complimenti e tanti auguri di buona pasqua! 🙂

    • 01/04/2013 at 19:43

      grazie! sono passata “da te” e ho trovato un sacco di cose interessanti, intense e ben scritte…tornerò presto!

  3. 03/04/2013 at 15:24

    dall’altra parte della Chiana il ciambellino è rigorosamente con l’anice (anaci) e si fa la domenica in albis!

    • 04/04/2013 at 20:44

      In realtà anche a da noi qualcuno lo fa con l’anice, ma io ho sempre preferito la ricetta base. Del resto si sa che viviamo in un crocevia di culture!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *