Fagottini alla ricotta: guai a buttare qualcosa – I parte

Lo scorso fine settimana sono stata a trovare i miei genitori, che come al solito hanno rimpinguato la mia dispensa fornendomi viveri di ogni tipo. Peccato che tendano ad esagerare un tantinello con le quantità. Forse credono che, pur continuando a dichiarare di vivere da sola, in realtà abbia una famiglia segreta con tre o quattro figli illegittimi…
Che poi conoscono bene la mia naturale avversione verso qualsiasi spreco, per cui avere la dispensa piena di leccornie che non sarò mai in grado di consumare da sola mi crea ansie e nevrosi degne dei migliori saggi psicanalitici.
Dunque, essendomi ritrovata con una quantità abbondante di ricotta, che notoriamente non ha una lunga durata, ho deciso di cercare tra i miei libri di cucina una ricettina veloce per poterla impiegare.
Sono nati così i fagottini di ricotta, caratterizzati da una pasta così soffice che vi sorprenderà al primo morso, e dal sapore delicato, ripieni di composta di fichi (senza zucchero, prodotta, ovviamente dai miei genitori). Secondo me sono buonissimi inzuppati nel latte colazione…provare per credere!

fagottini-ricotta3

FAGOTTINI DI RICOTTA CON COMPOSTA DI FICHI

  • 250 g di farina + un po’
  • 250 g di ricotta vaccina freschissima
  • 90 g di burro
  • 3 cucchiai di zucchero a velo
  • 1 bustina di lievito
  • confettura o marmellata a piacere

Fondete il burro a fiamma bassissima e lasciate raffreddare. Scolate la ricotta dall’eventuale siero e lavoratela con lo zucchero. Aggiungete il burro fuso e poi la farina setacciata con il lievito. Lavorate rapidamente, avvolgete nella pellicola e fate riposare in frigo per almeno 30 minuti. Infarinate la spianatoia e stendete la pasta con il mattarello allo spessore di 1-2 mm; se dovesse appiccicarsi aggiungete ancora un po’ di farina, senza esagerare.
Con la rotella taglia-pasta ricavate tanti rettangoli della dimensione che preferite, ponete al centro di ognuno un cucchiaino di marmellata e ripiegateli nel senso della larghezza sigillando bene i bordi. Io li ho fatti belli grandi, così che potessero accogliere più ripieno, ma ovviamente dipende da voi. Se nel premere i bordi doveste schiacciare troppo i “dentini” dei biscotti, basterà rifilarli leggermente con la rotella dopo averli chiusi.
Praticate delle piccole incisioni con un coltello sulla superficie e infornate a 180° per 20 minuti circa.

fagottini-ricotta

 

fagottini-ricotta10

Share

You May Also Like

17 comments on “Fagottini alla ricotta: guai a buttare qualcosa – I parte

  1. 13/02/2013 at 20:15

    brava Alice ! Mi piace ! Un saluto caro, Raffaella

    • 13/02/2013 at 21:35

      Grazie Raffaella!! Attendo tuoi consigli e suggerimenti. E spero di vedervi presto! Un abbraccio.

  2. 22/09/2014 at 15:38

    L’ha ribloggato su panelibrienuvolee ha commentato:

    Una delle prime ricette postate, l’ho rifatta di recente e…non mi ricordavo che fossero così buoni!! Grande successo di pubblico, anche tra mamma e babbo che se li sono contesi fino all’ultima briciola e ne hanno ordinata una fornitura per l’autunno…queste sì che son soddisfazioni!
    Anche in questo caso, ne ho approfittato per corredare di foto un post che ne era carente…magari piano piano riesco ad aggiornare tutto..
    Ecco a voi i fagottini, sofficissimi e dolci…l’ideale per una coccola di prima mattina e per impostare bene la giornata di scuola o di lavoro! 🙂

  3. 22/09/2014 at 15:54

    Wow, per usare il linguaggio da teen 😀 oggi ho fatto la marmellata di fichi ed il miele di fichi (ricetta non mia): sabato ello me ne ha portata una cassetta raccolti da lui (così dice 😉 ) Amo la ricotta e, come te, odio (si può dire?) gli sprechi. Farolli ed inzupperolli, sempre se il topolino di casa nonli farà sparire 😉

  4. 22/09/2014 at 16:17

    Belliii!!!! Sembrano le torte di Nonna Papera!

  5. che meraviglia questi biscotti… sono bellissimi e con la ricotta… idea magnifica.
    ciao Manu

  6. 22/09/2014 at 22:22

    E sono anche bellissimi! Rustici quanto basta e delicati nel sapore 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *