Far breton alle albicocche

Sono entrata in un altro tunnel ed è un casino, perché le ricette da fare sono sempre di più, gli appuntamenti si infittiscono e quello che è nato come un hobby prende il sopravvento sugli altri impegni quotidiani. Ma finché ci si diverte va bene così e allora eccomi a partecipare di nuovo al Recipe-tionist di Flavia.

Stavolta andiamo a saccheggiare le ricette di Cristiana del blog Beufalamode, e io lo giuro-lo giuro-lo giuro che in suo onore volevo fare un piatto sostanzioso, un quinto quarto, una di quelle robe da intenditore che la contraddistinguono. Anche perché pur essendo una grande amante di frattaglie e interiora ho solo un paio di ricette che le prevedono. Ma mentre compulsavo le sue specialità non ho saputo trattenere la curiosità e l’occhio è andato sulla sezione “dolci”.
Per caso, ho ritrovato un post che ricordavo di aver letto, in cui Cristiana parla della sua nonna e la descrive con un tale ruvido affetto che mi ha suscitato tanta tenerezza e al tempo stesso nostalgia della mia, di nonne, che pure doveva essere diversissima dalla signora descritta. E allora non c’è stato quinto quarto che tenesse, ho capito che quella era la mia ricetta.

far bretone alle albicocche

Il far breton è un dolce tipico della Bretagna, parente “sodo” del clafoutis. Gli ingredienti, infatti, sono gli stessi: latte, uova, burro, farina e zucchero, con l’aggiunta di frutta, ma il clafoutis rimane più cremoso, un vero dolce al cucchiaio, mentre il far è più consistente, una specie di budino solido che si mangia con la forchetta, ma si può anche tenere in mano.

Alto almeno 3 o 4 cm, è profumato, compatto, semplice e nutriente: un dolce povero di altri tempi, il cui nome richiama il latino far (frumento, semola) e che è nato in versione salata, una semplice combinazione di farina e latte in cui lo zucchero compariva solo nei giorni di festa. In seguito si è arricchito di uova e burro, e per ultime sono arrivate le prugne, che oggi sono presenti nella versione tradizionale.
Per esigenze di dispensa, io ho usato delle albicocche secche e il far è piaciuto davvero a tutti: massima resa con il minimo sforzo, visto che si fa in 10 minuti. Grazie a Cristiana e alla sua nonna per avermi fatto scoprire questa bontà, credo che diventerà un classico di casa mia.

far bretone alle albicocche

Far breton alle albicocche

Porzioni: 5/6        Tempo di preparazione: 10′ + 2h di ammollo       Tempo di cottura: 40′

Ingredienti

250 g di latte intero
100 g di farina 0
100 g di albicocche secche
75 g di zucchero
2 uova medie
50 g di burro
scorza di un limone non trattato

Mettete le albicocche a bagno in acqua tiepida per almeno due ore.
Mettete in un pentolino il burro, il latte e lo zucchero e riscaldate a fuoco dolce fino a che burro e zucchero non si saranno sciolti. Fate raffreddare.
Setacciate la farina, unite la uova leggermente sbattute amalgamandole con la forchetta, poi iniziate a versare il composto di latte a poco a poco, sempre amalgamando con la forchetta, per evitare la formazione di grumi.
Imburrate MOLTO generosamente una pirofila (la mia misurava 22 x 16 x 5, capacità 7 litri circa), distribuite sul fondo le albicocche intere, scolate, e versatevi la pastella. Infornate a 180°C per 35-40′ circa. Fate raffreddare un paio d’ora prima di servire, è ottimo anche freddo.

far bretone alle albicocche

Note:

  • abbiate cura di lasciare un paio di cm dal bordo della pirofila perché in cottura gonfierà molto e rischia di fuoriuscire. Raffreddandosi, comunque, si siederà comodamente, come nella migliore tradizione dei soufflè.

far bretone alle albicocche

Con questa ricetta partecipo al Recipe-tionist di marzo/aprile

Marzoaprile 2017

Share

You May Also Like

12 comments on “Far breton alle albicocche

  1. 20/03/2017 at 09:30

    Dieci minuti? Ma è un dolce preziosissimo, un’idea da tenere presente quando non si ha voglia di spignattare troppo. La nonna ti ha guidato verso la scelta giusta E poi io non amo le frattaglie e voterei sempre per i dolci…

    • 20/03/2017 at 15:38

      Giuro, è velocissimo! A me è piaciuto tanto tanto, basta mettere la scorza di limone in abbondanza e non si sente nemmeno il sapore d’uovo, cosa che temevo un po’…

  2. 20/03/2017 at 14:25

    Una terrina dolce, praticamente!

    • 20/03/2017 at 15:38

      più o meno… 😉

  3. 20/03/2017 at 15:16

    Beh Alice io che tu sia entrata anche in questo tunnel ne sono proprio felice, soprattutto perchè ci metti l’entusiasmo che deve denotare questo gioco tra di noi! Che siano prugne o albicocche credo che il successo di questo dolce sia assicurato sempre, lo vedo bene servito in Inverno, ma anche in Estate con una pallina di gelato…. cara Alice grazie anche a te per questa scelta…e buon inizio settimana

    • 20/03/2017 at 15:39

      Grazie a te Flavia! Il recipe-tionist è proprio una bellissima idea! 😀

  4. 21/03/2017 at 18:16

    E io mi unisco a Viv: meno male che il pensiero della nonna ti ha guidata nella scelta proponendoci questo dolce semplice e tanto generoso.
    Un bacio Alice!

    • 21/03/2017 at 20:00

      Vedo che le frattaglie non sono amate, con mio sommo dispiacere… Va be’, con i dolci si va sempre sul sicuro! 😀
      Ricambio il bacio!

  5. 21/03/2017 at 22:39

    Splendido e questa consistenza più piena e soda mi piace assai :-), altra ricetta da provare e se vado avanti così ci vogliono 10 vite 🙂 Un bacione!

    • 21/03/2017 at 22:55

      Come ti capisco! Anche io continuo ad accumulare ricette che vorrei fare…per una che ne faccio me ne segno altre 10! 😀

  6. 22/03/2017 at 00:28

    Dieci minuti? Allora è ancor più invitante di quello che già non era!
    In bocca al lupo, questo da Cristiana mi era sfuggito.. Hai fatto proprio benissimo a riproporlo!

    • 22/03/2017 at 10:00

      Sì, è velocissima…ci vuol più tempo a cuocerla semmai! 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *