Come promesso a lepaginestrappate, ecco la ricetta dei bignè, che per una curiosa congiuntura astrale erano in preparazione proprio mentre Chiara pubblicava il suo post al riguardo. Non credete a chi sostiene che i bignè sono difficili! Serve soltanto un po’ di tempo, ma quando li vedrete davanti a voi, gonfi e rotondetti, con l’incognitaContinue reading

0
Share

Immaginate 5 amici che periodicamente, cercando incastri da tetris tra i rispettivi impegni, si ritrovano per una cena. Immaginate che questa cena, a poco a poco, diventi un rito e inizi a configurarsi come cena a tema etnico, nella quale ognuno cucina un piatto. Tralascio il racconto della cena greca, nella quale il mio contributoContinue reading

0
Share

Da che parte iniziare per parlare di quello che è il libro di una vita? Arcinoto nel titolo, praticamente sconosciuto ai più nel contenuto e nella reale sostanza – ad eccezione dell’abusato e banalizzato episodio della madeleine – il capolavoro di Proust mi ha sempre attratto sin da bambina. Sia stato il titolo evocativo, laContinue reading

0
Share

Spesso mi sembra di essere ancora una bambina, a dispetto dell’età. A volte capricciosa, un po’ impaziente, a tratti infantile. Con la stessa predilezione per il colore rosa di 25 anni fa e un debole inconfessabile per i cartoni animati Disney. Poi succede qualcosa di tremendo, inaspettato e definitivo, e dal modo in cui reagisco mi rendo conto cheContinue reading

0
Share

Senza dubbio è fuori stagione, ma questa ricetta mi è stata utilissima per finire la farina di castagne rimasta dall’autunno, che non può essere conservata troppo a lungo pena la perdita dell’aroma…e l’acquisto di un saporino stantìo che proprio non vi raccomando. In più avevo anche molte noci (che non mangio praticamente mai) e cosìContinue reading

0
Share

Se penso che sono stata sostanzialmente indifferente ai pistacchi per i primi 28 anni della mia vita mi sento male. Come si può rinunciare a qualcosa di così delizioso?! Adesso sto cercando di recuperare il tempo perduto, per lo più a suon di gelati, ma non disdegnando nemmeno primi e secondi piatti nei quali il preziosoContinue reading

0
Share

Avete presente quando decidete di fare un dolcino così tanto per fare, magari perchè avete un ingrediente in abbondanza e lo volete smaltire, o per avere qualcosa con cui fare colazione la mattina? Ecco, questo plumcake è nato così, veloce veloce una sera prima di cena, senza grosse pretese. E poi il giorno successivo loContinue reading

1
Share

Be’, bisogna ammettere che i francesi ci sanno fare. Simpatici non sono di certo, ma quando si tratta di tirarsela non li batte nessuno. Chi altri poteva trasformare una poverissima zuppa in un piatto raffinato ed elegante? Il trucco sta nel nome, prima di tutto. Volete mettere una volgare zuppa di cipolle, originaria della migliore tradizioneContinue reading

0
Share

Si fa un gran parlare di orti urbani. Aree abbandonate, zone incolte o di dubbia destinazione che piano piano vengono “civilizzate” e coltivate da cittadini volenterosi armati di paletta e rastrello. C’è chi coltiva il giardinetto di casa, chi ottiene un pezzettino di terra dal proprio Comune, chi fa l’orto del cognato e chi in un angolino remotoContinue reading

0
Share

“Potere a chi lavora…” questo è uno dei gridi di battaglia preferiti di un mio buffo collega, che è solito urlarlo ai quattro venti ogni tre per due… Sarà che questo ciambellone l’ha mangiato anche lui, sarà che oggi è il 1° maggio e un pensiero ai lavoratori e alla difficile situazione di questo Paese èContinue reading

2
Share

Tranquilli, niente perversioni erotiche in cucina…è semplicemente il mio 50esimo post! È il misterioso e tentacolare sig. WordPress a farmelo notare e io colgo volentieri l’occasione per un bilancio piccino picciò di questi mesi di attività. Ho iniziato con colpevole ritardo rispetto ai miei desideri e con l’insopprimibile titubanza che mi contraddistingue, eppure in breve miContinue reading

0
Share

E figurati che pensavi di essere preciso. Di utilizzare i termini giusti, fare attenzione alle sfumature, non essere grossolano. E poi all’improvviso, come se niente fosse, ti si spalanca davanti agli occhi la rivelazione che in realtà sei approssimativo e usi le parole a casaccio. Pochi giorni fa, per esempio, mi sono resa conto che “laContinue reading

0
Share