Arrivò puntuale, come sempre. Tre soli minuti di ritardo, la sottile linea che separa l’essere precisi dall’essere pateticamente pignoli. Ad anni di distanza, era sempre uguale. Uguale il sorriso aperto, uguali gli occhi scuri e luminosi, come grani di pepe, acuti senza essere mai invadenti. Raramente ho trovato tanta grazia e cortesia spontanea in unaContinue reading

9
Share

Calpestavamo le foglie secche quando lei si chinò per raccogliere una pigna. La guadò un istante, poi la gettò di nuovo a terra. “Volevo vedere se c’erano pinoli”, disse alzando le spalle. Mi sembrò una cosa buffa, questo moto improvviso e subitamente abbandonato, un capriccio infantile, anche se ormai aveva passato i sessanta. Ma raccogliereContinue reading

7
Share

Ora che è passata la follia collettiva di Halloween e sono tutti dentro a quella del Natale, posso anche pubblicare in pace il mio plumcake alla zucca. Che poi continuiamo ormai a chiamarli plumcake anche se non ci sono le “plum” (prugne) originarie…forse dovremmo solo chiamarli cake, ma allora verremo accusate di anglicismi deliberati eContinue reading

5
Share

Giorni strani, che scivolano ed evaporano in un nulla come la bruma che galleggia sulla campagna sbiadita. Come se le nebbie di novembre mi si avvolgessero intorno alla testa, lente e sottili, fino a confondermi e a disorientarmi, fino a non sapere più chi sono. Vorrei essere del novero dei sicuri e decisi, vorrei essereContinue reading

6
Share

La palestra in cui vado ha una sala corsi grande e luminosa, molto bella. Ma quello che la rende speciale sono le enormi finestre che si affacciano sul cielo. Non riesco a vedere bene dove si affacciano perché sono molto in alto, ma deve essere un ampio spazio su cui si aprono vari caseggiati. QuandoContinue reading

6
Share
plum crumble cake

Ci siamo, finalmente. Sembra uno scherzo, ma il primo di settembre mi sono svegliata che era tutto diverso. Una pioggerellina fine, l’aria fresca, un ritmo insolito. Ho aperto le finestre, ho messo su l’acqua per il tè e sono andata a girare il calendario. Un rito che mi piace, da sempre. Mi sembra di mettereContinue reading

5
Share

Incredibile. In tre anni di suggestioni e divagazioni, non ho mai parlato di Follonica. Il mio Eden personale, l’età dell’oro a cui sempre torna il mio cuore. Strano davvero. Forse perché si tende a proteggere le cose cui si tiene veramente e quei ricordi sono tra i più preziosi che ho. Si partiva in questi giorni,Continue reading

6
Share

Partiamo dal presupposto che il vero Kugelhupf non è questo. E cominciamo bene. Infatti per Kughelhupf (o Gugelhupf) si intende un dolce che ha esattamente questa forma ma è fatto di soffice pasta lievitata, mentre qui c’è il lievito chimico. Mi ha tradito la fidata Cucina Italiana, che lo chiamava così, e quando mi sono accorta della differenza eraContinue reading

5
Share