Ci sono ricette che sono vere e proprie perversioni e questa ci si avvicina molto. Non l’averei mai fatta per curiosità personale, ma dovendo organizzare un mini buffet di dolci per un compleanno, ero certa che sarei andata sul sicuro. Dolce, burrosa e al cioccolato: chi potrebbe chiedere di più? E infatti ha avuto successo,Continue reading

4
Share

Questa estate siamo stati in Trentino. Solo pochi giorni, quel tanto che basta per fare tutta la strada fin su, prendere un temporale e tornare a casa. In realtà nel mezzo ci sono state anche due piacevoli passeggiate, delle ottime cene e una visita ad un posto magico. Tra le alte montagne di Pergine Valsugana,Continue reading

7
Share

Ci sono piatti iconici dei nostri tempi. Delle nostre stagioni, anzi. Lo scorso inverno era la torta con le fette di arance caramellate in superficie, in primavera il toast con l’avocado e uovo poché, prima ancora…me lo sono dimenticato. Mode che arrivano e passano in un soffio e l’anno successivo sono già vecchie. Qualcuna resisteContinue reading

6
Share

Questa ricetta alberga in bozza da tempo immemore. Non so perché per mesi le abbia privilegiato altri post, ma ora che siamo in periodo di riapertura delle scuole è mi tornata alla mente, perché mi sembra la torta adatta per augurare un buon inizio a tutti i bambini che rientrano in classe. Semplice, soffice, leggera:Continue reading

10
Share

E anche il tempo delle more è passato, quest’anno quasi inosservato. Ne ho avute molte in dono, ma sono poche quelle che ho raccolto di persona. Eppure se penso alle more di quest’anno – che pure erano poco dolci e succose – mi torna in mente una domenica mattina di scorribande in motorino alla ricercaContinue reading

5
Share

A volte basta un particolare trascurabile per cambiare l’aspetto di una stanza. Una persiana senza una stecca, per esempio. Da quella fessura entra un piccolo fascio di luce che sorprende l’occhio, rompe la regolarità delle linee, crea uno scarto che attira l’attenzione. A volte davvero basta una piccola sfumatura, e tutto a un tratto laContinue reading

7
Share

La pioggia di giugno ha un odore tutto particolare. La riconosci all’istante, quando bagna l’asfalto già caldo e i vapori salgono tiepidi e silenziosi. Ti inebria se hai la fortuna di essere in un giardino, perché esalta i profumi del tiglio e del gelsomino. È leggera e silenziosa, le gocce si poggiano sulle ringhiere, accarezzano leContinue reading

11
Share

Sono passati tanti anni, ormai, da quando la mattina di Pasqua ci trovavamo a casa dei nonni per fare la colazione tradizionale. Una colazione sostanziosa, visto che prevedeva uova sode (quelle benedette, che prima di sgusciarle gli dovevi dare un bacino) e capocollo, da mangiare con la nostra ciaccia di Pasqua, ossia una torta salataContinue reading

7
Share

Come ho detto tante volte, sono sempre l’ultima a cedere alle mode alimentari, vuoi per sospetto, per pigrizia o per naturale avversione verso tutto ciò che fa tendenza. Dopo anni che se ne sente parlare, solo adesso ho provato lo zucchero di cocco. E per arrivare all’olio di cocco suppongo mi serviranno altri dieci anni. LaContinue reading

7
Share

Arrivò puntuale, come sempre. Tre soli minuti di ritardo, la sottile linea che separa l’essere precisi dall’essere pateticamente pignoli. Ad anni di distanza, era sempre uguale. Uguale il sorriso aperto, uguali gli occhi scuri e luminosi, come grani di pepe, acuti senza essere mai invadenti. Raramente ho trovato tanta grazia e cortesia spontanea in unaContinue reading

9
Share

Calpestavamo le foglie secche quando lei si chinò per raccogliere una pigna. La guadò un istante, poi la gettò di nuovo a terra. “Volevo vedere se c’erano pinoli”, disse alzando le spalle. Mi sembrò una cosa buffa, questo moto improvviso e subitamente abbandonato, un capriccio infantile, anche se ormai aveva passato i sessanta. Ma raccogliereContinue reading

8
Share

Ora che è passata la follia collettiva di Halloween e sono tutti dentro a quella del Natale, posso anche pubblicare in pace il mio plumcake alla zucca. Che poi continuiamo ormai a chiamarli plumcake anche se non ci sono le “plum” (prugne) originarie…forse dovremmo solo chiamarli cake, ma allora verremo accusate di anglicismi deliberati eContinue reading

8
Share