Ve lo avevo promesso sin dal post della Bakewell Tart, ed ecco qui il pan brioche assaggiato a casa delle sorelle Calugi. A dire il vero, la ricetta arriva da Manuela, in quel solito giro di valzer che fanno le ricette quando sono particolarmente buone e che nel giro di un mese le porta nelleContinue reading

5
Share
pan-di-ramerino

Sarei curiosa di sapere quanti, fuori dalla Toscana, conoscono il significato della parola “ramerino“. Per me è scontatissima ma, a pensarci bene, forse non lo è. Ramerino sta per rosmarino, i cui aghi profumati danno carattere a questo pane di origine medievale. Il pan di ramerino, infatti, fa parte della tradizione toscana sin dal XIVContinue reading

8
Share
pain aux raisins

Altra ricetta vista e presa, stavolta dalle pagine di Valentina, una maestra seria ed affidabile per pane e lievitati. Grazie a lei ho prodotto il mio primo lievitato degno di questo nome e i suoi preziosi consigli continuano ad essere i pochi punti fermi che mi guidano quando devo affrontare il difficile mondo dei lievitati.Continue reading

5
Share
Brioche-Saint-Genix

La storia di questa brioche parte da lontano. Da Lione, anche se la brioche è originaria di una piccola cittadina della Savoia, Saint-Genix-sur-Guiers, appunto. Ma io la lego a Lione perché è lì che per la prima volta ho scoperto le praline rosa, in una serata di clima sereno ma spiriti burrascosi. Seduta al tavolino di unContinue reading

5
Share
Treccia-di-pasta-brioche

Quando ho visto la foto di questa brioche nella bacheca della lady più lady che ci sia, ho sgranato tanto d’occhi e sono stata presa da un insano desiderio di affondarci i denti. Per farlo avevo due possibilità: prendere su due piedi un volo per Singapore, oppure trovare gli ingredienti, il tempo, il coraggio eContinue reading

8
Share

Click to translate this post Croissant. Non è celestiale già la parola? Così elegante, così lieve. Così francese. E quindi chic, per definizione. Le croissant. Come suona bene. Una parola che sembra imitare il suono della sfoglia che si frantuma sotto i denti, seguito dall’espandersi dell’aroma del burro nel palato. Crois-sant. Aaaah. Oggi sono così estetizzanteContinue reading

2
Share

Click to translate La mitologia del pane fatto in casa come si faceva una volta, con lunghe lievitazioni e farine prese direttamente da mulini di fiducia, non ha fine. Da ogni parte risuonano fiumi e fiumi di parole su quanto sia bello, buono, profumato e salutare rispetto a quello che si compra. Un’estasi collettiva. Ma devo ammettereContinue reading

2
Share

Click to translate Quando Arianna ha annunciato il tema della sfida di questo mese, c’è stata una standing ovation collettiva. Grida di giubilo, cori da stadio, entusiasmi sfrenati…a chi non piace l’hamburger?!? Solo io, forse, sono rimasta sbigottita. In primis perché è una sfida molto laboriosa, che prevedere diverse preparazioni e, considerati i miei tempi diContinue reading

0
Share
pan-dei-santi

Questa ricetta mi sta particolarmente a cuore perché è una ricetta della tradizione. Che sa di casa, di famiglia, di radici profonde e così antiche che non ne vedi nemmeno l’inizio. Il pan co’ santi (o pan de’ santi, o anche pan de’ morti) è un pane dolce lievitato che si prepara a Siena e provinciaContinue reading

8
Share

Signore e signori, a due anni di distanza vi presento…il mio primo post!! 🙂 Ebbene sì… anche quest’anno ho preparato la tradizionale schiacciata con l’uva, che prelude al periodo della vendemmia, e mi sono ricordata che era stata la protagonista del mio primo post. Visto che era sprovvisto di foto, ho pensato di rimediare eContinue reading

1
Share

Chi vuole un Hot Cross Buns? Gli anglofili sapranno sicuramente di cosa si tratta. Sono piccoli panini dolci che nella tradizione anglosassone vengono preparati il Venerdì Santo e per questo hanno una caratteristica croce di pasta sulla superficie. L’origine è antichissima, si dice addirittura che prima dell’avvento del cristianesimo venissero consumati in occasione della festa che segnava laContinue reading

0
Share

Questa ricetta segna per me un piccolo passo avanti. Intanto perché sono riuscita a cimentarmi con i lievitati, finora accuratamente scansati a causa di quella probabilità imprevedibile di esito totalmente negativo (leggi: lievitazione fallita) che mi getta nel panico da brava maniaca del controllo quale sono. Poi perché nel farla ho partecipato ad un progettoContinue reading

0
Share