Panna cotta alla mela con salsa di fragole

La panna cotta non mi ha mai entusiasmato. O perlomeno, non quelle che si trovano comunemente nei ristoranti. Compatte e dense per la troppa gelatina, insapori se non per lo zucchero, accompagnate da insulsi topping ai frutti di bosco o salse al caramello in barattolo. Forse non frequento ristoranti abbastanza buoni, e anche questa è una possibilità. Ma, di fatto, se la sento nominare non mi invoglia a mangiarla.
E allora perché ho scelto di fare proprio una panna cotta? Per sfida, perché è uno di quei dolci che escono con le ossa rotte dagli anni Ottanta e Novanta, ma che secondo me hanno ancora qualche possibilità di redenzione.

La mia proposta è una panna cotta alleggerita sia nel gusto che nella consistenza, grazie alla presenza della mela cotta e frullata, che si percepisce appena al sapore ma dà un po’ di dolcezza naturale. Ho cercato di non usare troppa gelatina per evitare l’effetto colloso e il risultato mi è sembrato buono.
Inoltre, non ho usato zucchero ma soltanto un po’ di stevia, un dolcificante naturale ottenuto da una pianta di cui vi avevo già parlato a proposito dei muffin con gocce di cioccolato.

La stevia ha un potere dolcificante maggiore di quello dello zucchero (oltre a non avere nessuna caloria!) e per questo ne basta davvero poca. La quantità che ho indicato è giusta un dolce-non-troppo-dolce, soprattutto se poi decidete di mettere un po’ di zucchero nelle fragole. Se volete aumentarla, vi consiglio comunque di non superare i 35 g.

Panna cotta alla mela con salsa di fragole

Porzioni: 4       Tempo di preparazione: 10 minuti + 6 ore di riposo      Tempo di cottura: 20 minuti

Ingredienti

250 ml di panna fresca
100 ml di latte intero
200 g di mele Golden (o altro tipo) al netto degli scarti (circa 2 medie)
25 g di stevia (oppure 50-60 g di zucchero)
8 g di colla di pesce (2 fogli, per me)

3 cucchiai di succo di limone
250 g di fragole (più un po’ di zucchero, se volete)

Sbucciate le mele e tagliatele a piccoli pezzi. Mano a mano che le tagliate, mettetele in una casseruola e irroratele con il succo di limone. Fate cuocere a fiamma dolce per 15-20 minuti, fino a che non saranno tenere. Frullate con un frullatore ad immersione.

Mettete la colla di pesce a bagno in acqua fredda per 10 minuti.
In un pentolino, scaldate la panna con il latte fin quasi al bollore. Spegnete e mettetene 3 o 4 cucchiai in una ciotola pulita.
Strizzate la colla di pesce e scioglietela nella ciotolina con i liquidi messi da parte, mescolando bene con un cucchiaio per farla sciogliere completamente.
Aggiungete nella ciotola il resto della panna, unite la purea di mele e mescolate bene.
Versate nelle coppette individuali (o negli stampini, se preferite sformarla) e riponete in frigorifero per almeno 6 ore.

Almeno un’ora prima di servire, preparate le fragole.
Mondatele, tagliatele a piccoli pezzi e, se volete, aggiungetevi un cucchiaio di zucchero. Fate macerare in frigorifero per un’oretta circa.
Togliete la panna cotta dal frigo una mezz’ora prima di servire e guarnite con le fragole e con il succo che avranno rilasciato.

Note:

  • se volete ottenere una salsa di fragole più consistente che non un semplice succo, frullate una parte delle fragole macerate con il loro succo. Per avere un risultato ancora più liscio e setoso, passate la purea così ottenuta in un colino a maglie strette.

 

Share

You May Also Like

9 comments on “Panna cotta alla mela con salsa di fragole

  1. 19/04/2018 at 09:22

    Povera panna cotta, così poco apprezzata e per mille buone ragioni, direi! Darle l’occasione per svecchiarsi ed entrare nella modernità con un gusto meno inutile e stucchevole è doveroso. Quella che proponi la proverei a cuor leggero, quelle dei ristoranti le salto sempre per i motivi che hai detto benissimo tu…

  2. 19/04/2018 at 13:59

    Neanche a me piace la panna cotta, tanto inflazionata quanto il povero tortino di cioccolato dal cuore morbido però questa la devo provavate per via della mela che le regala,un gusto naturalmente dolce e per il dolcificante alternativo. Non so se riuscirò mai a fare una foto tanto delicata come la tua ma quello del resto è la cosa che caratterizza te…
    A presto sister!

  3. 19/04/2018 at 14:16

    “uno di quei dolci che escono con le ossa rotte dagli anni Ottanta e Novanta” quale migliore definizione!!!
    Fantastica.
    Comunque anche io non sono mai stata grande amante delle panne cotte anche se poi per gola e curiosità ogni tanto le provo.
    kiss 😉

  4. 19/04/2018 at 18:34

    Io invece la voglio rinobilitare…. é vero che fa un po’ anni 90, ma se fatta bene secondo me é un grande classico che poi tutti alla fine apprezzano. L’effetto colloso io personalmente l’ho scongiurato iniziando ad usare l’agar-agar, che trovo secondo me la rende soda ma non gelatinosa….
    L’idea della mela é una vera genialità, ma visto che di te si tratta, non mi stupisco!

    • 23/04/2018 at 19:37

      Devo decidermi a provare l’agar agar, ormai sono rimasta l’ultima a non averlo mai usato…
      Grazie Margy, un abbraccio!

  5. 19/04/2018 at 21:26

    Ma cosa hai contro i dolci anni 80? Il budino… Il bongo! Buona deve essere, e le foto in versione nordic spring sono proprio le sue!

    • 23/04/2018 at 19:35

      Appunto, il budino. Hai detto tutto e anche di più. 😀

  6. 03/05/2018 at 14:52

    buonissimo, complimenti!! Prendo nota. Grazie. Anna

    • 03/05/2018 at 22:13

      Grazie Anna! Spero che ti piacerà 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *