Assassinio à la carte – Brigitte Glaser

Farsi strada nel mondo della ristorazione è ardua impresa, si sa. A maggior ragione se si è donne e si parte da zero. Ma Katharina non poteva immaginare che ostacoli tanto grandi avrebbero messo a repentaglio l’esistenza del Giglio Bianco, il suo ristorante appena inaugurato.

Inizia con uno sguardo sul frenetico carnevale di Colonia – uno dei più famosi del mondo –  il terzo libro di Brigitte Glaser, Assassinio à la carte. La protagonista è sempre lei, la chef Katharina Schweitzer, che si trova coinvolta in un caso di omicidio che porterà con sè una cascata di guai per il Giglio Bianco.
Ma insieme a mafiosi turchi, giocatori d’azzardo e oscuri trafficanti c’è anche una nutrita serie amici a sostenerla: un aiuto cuoco angelico e balbuziente, una affascinante cameriera dai riccioli d’oro, la fidata ed energica Adela e un trio di poliziotti in pensione con la nostalgia dell’investigazione. A movimentare la scena, un (finto?) ricatto, un nuovo amore che si affaccia, uno vecchio che ritorna, una busta maledetta e un topo nascosto in cantina.

Ce n’è a sufficienza per godersi di gusto questo giallo non privo di ironia, che si legge tutto d’un fiato e fa sperare che venga presto tradotto il prossimo (in Germania è già uscito il settimo).

Impossibile non solidarizzare con Katharina, autentica e imperfetta come ogni donna degna di questo nome. Non un’eroina né un’investigatrice, ma una chef dotata di caparbietà e resilienza, che sbaglia, tentenna, a volte si rende ridicola e a volte ha trovate geniali.
Dea della cucina, semmai: quando è ai fornelli tutto si ferma, si dimenticano le tensioni; nell’aria immobile si delineano gesti puliti e precisi: mani che tagliano, farciscono, sminuzzano, avvolgono. I piatti serviti al Giglio Bianco, saporiti ed intriganti come la stessa Katharina, sono descritti con dovizia di particolari e qualunque amante del buon cibo vi può trovare spunti e idee per sorprendere i propri ospiti, tanto che alla fine del libro compaiono tre menù completi (uno for dummies, una altro di media difficoltà e il terzo, firmato Susanne Vössing, per veri chef).

La vicenda scorre via veloce in una continua girandola di eventi imprevisti, fino allo scioglimento che arriva in extremis. “Non mi ero mai sentita tanto felice di una vita così monotona e imprevedibile. Chi poteva sapere quando sarebbe accaduto il prossimo rovescio, il prossimo pugno alla bocca dello stomaco? Il mondo era una polveriera, nelle piccole e nelle grandi cose.”
Ma di questa polveriera, Katharina sembra assumersi il rischio, muovendosi, tra l’incerto e lo spavaldo, verso i suoi sogni.

P.S.: non trovate che la copertina sia irresistibile?!

glaser

ASSASSINIO À LA CARTE

Autore: Brigitte Glaser

Editore: Emons Edizioni

Pagine: 304

Prezzo: 12,50 euro

 

Share

You May Also Like

4 comments on “Assassinio à la carte – Brigitte Glaser

  1. 02/05/2017 at 09:27

    La copertina è favolosa e mi è venuta voglia di conoscere questa Katharina. Qual è il primo della serie?

    • 02/05/2017 at 19:19

      Delitto al pepe rosa! E il secondo Morte sotto spirito 🙂

  2. 03/05/2017 at 13:36

    Copertina irresistibile e storia intrigante. Non conosco Katharina.

    • 03/05/2017 at 20:35

      La copertina mi fa impazzire! 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *