Cocktail aperitivo alle prugne e timo: tramonto in villa

Non credo di essere una persona cattiva. Egoista, però, sì.
Sono abituata a pensare a me, ai miei piaceri, a disporre del mio tempo.
Non che in casa mi siano mancati esempi positivi, con una nonna che non chiedeva altro che regalare il suo cuore per essere felice, e una mamma che vede chiaramente dove sta il bene per gli altri e lo fa con forza e generosità, senza rimpianto per le rinunce personali.
Credo che più che altro sia una questione di carattere: io questa forza non ce l’ho e mi vergogno nel constatare che faccio molta fatica a mantenere un livello anche solo accettabile di attenzione per il prossimo.

Ho sempre pensato, però, che la capacità di aiutare là dove c’è bisogno e di donarsi senza attendere una richiesta espressa fosse una prerogativa prevalentemente femminile. Anche per questo è con ammirata sorpresa che osservo la sua generosità incondizionata, che non aspetta ricompensa, come un imperativo interiore che gli impone di agire e di aiutare chi ha bisogno.
Credo sia un dono bellissimo, ma forse è ingiusto chiamarlo semplicemente dono. È la sensibilità di percepire ciò di cui ha bisogno l’altro, seguita dalla capacità di metterlo in atto, anche rinunciando a qualcosa per se stessi.
Come sempre, a dirle, sembrano cose banali. Ma io credo che sia qualcosa di commovente e mi fa sentire piccola piccola.

Cocktail-prugne-e-timo

L’ispirazione viene da Pinterest e da questo sito in particolare.
Il titolo che gli ho dato, invece, dalla dolcezza soffusa di questo aperitivo, dove si sente tutto l’aroma del timo, il profumo della prugna e le bollicine allegre del prosecco. Sapori semplici, di campagna, che mi hanno fatto pensare ad un certo campo, all’ombra di un’antica villa, al tramonto, quando in giro non c’e quasi più nessuno e il vento dolce accarezza il volto e scompiglia poco poco i capelli. Niente di meglio che berlo lì, in due, brindando a quello che siamo.

frutta sciroppata

Cocktail aperitivo alle prugne e timo

Porzioni: 2       Tempo di preparazione: 15′ + 2 h di riposo

Ingredienti

8 prugne mature
15 cl di prosecco
3 cl di acqua gassata
1,5 cl di sciroppo al timo
il succo di 1 limone grande
ghiaccio
timo

per lo sciroppo al timo
120 ml di acqua
80 g di zucchero
6 rametti di timo

Cocktail-prugne-e-timo

Preparate lo sciroppo al timo. Portate ad ebollizione l’acqua e lo zucchero; quando lo zucchero si sarà completamente sciolto, spegnete e mettete in infusione il timo.
Sbucciate le prugne, tenendone da parte una che userete per decorazione, tagliatele a dadini e versatele nel pentolino con il composto di timo ancora tiepido. Unite il succo di limone e fate riposare in frigo per almeno 2 h.
Filtrate lo sciroppo, spremendo bene le prugne affinché rilascino un po’ del loro succo.
Mettete in ogni bicchiere 6 cucchiai di sciroppo, metà dell’acqua gassata e metà del prosecco ghiacciato.
Completate con due o tre cubetti di ghiaccio, fettine di prugna e un rametto di timo.

aperitivo-cocktail-timo

Share

You May Also Like

10 comments on “Cocktail aperitivo alle prugne e timo: tramonto in villa

  1. 09/09/2016 at 09:24

    Ti “rubo” la ricetta e provo anche la versione con vino bianco fermo che si usa in Francia per il vino bianco con le pesche macerate. Bacioni, si impara anche la generosità… prima delle figlie io lo ero molto meno, ma penso che non siano solo i figli a far la differenza. E comunque un pizzico di egoismo contraddistingue quasi sempre le persone geniali…vedi tu. 🙂

    • 09/09/2016 at 10:28

      Anche io sono convinta che aver figli cambi molto, da questo punto di vista… Forse ho ancora delle speranze di miglioramento 😀
      In quanto al genio, quello di sicuro mi manca!
      Un bacio e grazie del consiglio, la prossima volta provo con vino bianco fermo 🙂

  2. 09/09/2016 at 12:09

    Quest’egoismo che dici di avere io non so se è egoismo, a me sembra dimorto ma di morto Sano, e non è affatto un lato Negativo contrapposto a esempi ‘positivi’. A avercelo l’egoismo che dici te…

    • 09/09/2016 at 17:58

      Ahahahah!! Grazie Elisabetta! 😀 😀 😀

  3. 09/09/2016 at 15:56

    Che bevanda letteralmente spettacolare 🙂

    • 09/09/2016 at 17:59

      Era buona, sì 🙂

  4. 09/09/2016 at 22:19

    Alice! La foto con la tazza che versa!!! A ognuno la sua poesia e il suo linguaggio, mettiamola così. Sennò sai che palle.

    • 10/09/2016 at 16:29

      Foto tazza tanto contenta io! 😀 Che scema!! 😀
      Per il resto.. ognuno è fatto a modo suo, ma qualche sforzo lo potrei pure fare…

  5. 10/09/2016 at 20:29

    Fossero tutti “egoisti” come te!
    Questo cocktail mi ha incuriosito chiederò al mio barman preferito se me lo prepara per uno dei nostri aperitivi casalinghi. Un abbraccio, Chiara

    • 11/09/2016 at 19:43

      Mi farebbe davvero piacere se tu lo provassi! Se poi hai anche chi te lo prepara, donna fortunata sei 😀
      Ricambio il tuo abbraccio, a presto!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *