Gingerbread cookies – Biscotti di pan di zenzero

united_kingdom_640

Niente da dichiarare se non… Buon Natale a tutti voi che mi leggete!!

Che possano essere giorni lieti e tranquilli, di sorrisi, risate e condivisione.
Giorni da trascorrere con le persone che più amate, facendo bottino di serenità e bei ricordi.
Niente vale di più.

Per celebrare l’atmosfera natalizia, una ricetta super classica ma che non avevo mai sperimentato: i gingerbread cookies, o biscotti di pan di zenzero! Quei biscottini speziati che si fanno mangiare tanto bene e il cui sapore è da qualche anno associato al Natale…e all’Ikea.
Sono andata a ricercare qualche notizia sulle sue origini, credendo di trovarle in nord Europa. Ma la leggenda vuole che la prima versione del gingerbread, che probabilmente era una sorta di pane speziato e addolcito con miele o melassa, viene nientepopodimeno che….dall’Armenia. Ebbene sì, sembra che dei monaci provenienti dallo Stato caucasico li abbiano importati in Europa intorno all’anno Mille, dove poi si sono progressivamente diffusi in Francia, Germania, nei Paesi Scandinavi e nel mondo anglosassone. Nel 1793, sembra che la cittadina di Shropshire, in Inghilterra, fosse diventata una grande produttrice di pan di zenzero e che il famoso “omino” fosse stato scelto come simbolo della città.
Con il tempo sono cambiate le forme, le ricette e gli ingredienti…ma sono rimaste le spezie! Oggi ogni Paese ha la propria versione: ci sono cake, chi pani dolci, biscotti e le spettacolari casette tridimensionali, tutte colorate e super decorate.

Il pan di zenzero è ormai entrato anche nella nostra tradizione natalizia e io ho deciso di farne grandi cuori da regalare alle amiche come piccolo pensiero di Natale. Ho scelto una ricetta tra le più comuni, senza troppe “stranezze” e mi sono piaciuti tanto…spero che sia lo stesso per le persone che li hanno ricevuti!
Vi lascio la ricetta…e ancora tanti auguri per un magico Natale.

gingerbread-1

GINGERBREAD COOKIES

Dosi: 12 grandi biscotti       Tempo di preparazione: 20 minuti + 30 minuti di riposo       Tempo di cottura: 12 minuti

  • 350 g di farina 00
  • 100 g di burro a temperatura ambiente
  • 70 g di zucchero di canna integrale
  • 20 g di zucchero semolato
  • 120 g di miele di acacia
  • 1 uovo
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • 2 cucchiaini di zenzero in polvere
  • 1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
  • una pizzico di noce moscata grattugiata
  • un pizzico di sale

per la ghiaccia:

  • 1 albume (35 g)
  • 150 g di zucchero a velo
  • un pizzico di cremor tartaro
  • poche gocce di succo di limone

Dal momento che lo zucchero di canna integrale tende a fare grumi, io lo passo prima alle lame del mixer per separarlo e renderlo più fine, ma dei piccoli grumi resteranno ugualmente. Però mi piace metterlo perché dà un sapore caratteristico che nell’originale americano è dato dalla melassa.
In una ciotola setacciate la farina con le spezie e il sale.
In un’altra ciotola, lavorate il burro con gli zuccheri fino ad ottenere una crema, poi unite il miele e l’uovo. Unite a poco a poco la farina, mescolando per incorporarla, e impastate rapidamente con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formate una palla, appiattitela, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo per 30 minuti.
Trascorso questo tempo, tirate fuori l’impasto, fate riposare 10 minuti a temperatura ambiente, poi stendetelo con il mattarello all’altezza di 3 mm circa e ritagliate le forme che desiderate.
Io avevo pensato di fare anche un forellino sui miei cuori, per appenderli all’albero con un nastrino…ma poi mi sono dimenticata!
Cuocete a 180° per circa 12 minuti.

Una volta che i biscotti sono raffreddati potete passare a decorarli con la ghiaccia. Io ho scelto di mettere meno zucchero a velo di quanto viene consigliato di solito (tra i 200 e i 250 g) per renderla un po’ più fluida e più facilmente lavorabile.
Iniziate a montare l’albume con le fruste insieme al cremor tartaro; quando avrà aumentato il suo volume di circa 4 volte aggiungete a poco a poco lo zucchero a velo setacciato, sempre continuando a montare fino a che il composto non sarà bello denso e lucido. Solo alla fine unite le gocce di limone. Riempite una sac-à-poche e decorate i biscotti a vostro piacere.

gingerbread-2

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Cucina per gioco “Accogliamo Babbo Natale nelle nostre case”

2_contest_accogliamo_babbo_natale

alla raccolta di Oggi pane e salame, domani… “Voglia di Natale”

natale

e alla raccolta di Giochi zucchero “Aspettando il Natale”

giochi-di-zucchero

 

Share

You May Also Like

6 comments on “Gingerbread cookies – Biscotti di pan di zenzero

  1. È da un po’ che manco nel tuo spazio e ogni volta che torno trovo sempre calore in piu’ 🙂 ci siamo già fatte gli auguri privatamente, ma te li faccio anche qui e ti auguro un magnifico anno di soddisfazioni!
    Un abbraccio!
    P.s I tuoi gingerbread sono fichissimi!

  2. 29/12/2014 at 15:39

    Ciao Alice, sai che nemmeno io li ho mai fatti? Ello non ama cannella&Co. purtroppo perchè io ne vado matta. Interessante l’utilizzo del cremortartaro nella glassa, sei troppo avanti 😉 <3

    • 30/12/2014 at 17:19

      A me la cannella piace a patto che non sia in grandi quantità. E qui, mescolata alle altre spezie, per me dà il suo meglio!
      Il trucco del cremor tartaro è farina del sacco di Bressanini, ancora una volta…serve a rendere più stabili gli albumi!
      Un abbraccio!

      • 30/12/2014 at 17:23

        immaginavo che sotto sotto c’era lui 😉 mi sa che quello sarà il mio prossimo libro: ho in progetto un grande 2015, in cucina e fuori… Quei dolcetti dell’ultimo post potrebbero assomigliare ai “fiorentini”? Un bacio, passo domani per gli auguri <3

  3. 29/12/2014 at 15:49

    Fa-vo-lo-si!!!!

  4. 29/12/2014 at 19:27

    Come sono contenta che ti sei convertita allo zenzero! Ti sono venuti bellissimi!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *