Biscotti al malto d’orzo con ricotta e pistacchi. Ma senza zucchero

united_kingdom_640

Come promesso nello scorso post, ecco una ricetta senza zucchero…ma comunque dolce!
Avevo concluso l’articolo dicendo che esistono molti dolcificanti sostitutivi dello zucchero bianco di barbabietola (ma anche di quello di canna che, come abbiamo visto, non è poi molto diverso dal primo). Qualche tempo fa avevo provato questa torta al cocco e miele, che è stata molto apprezzata, mentre lo scorso anno mi ero lanciata nel plumcake al malto d’orzo, decisamente più sano ma anche meno dolce. E poi ci sono questi biscotti soffici con fiocchi d’avena e miele
Vedete bene che le soluzioni sono molte: malto d’orzo o di riso, miele di acacia o millefiori (in genere sono i più dolci), sciroppi d’acero o d’agave. Da un po’ di tempo in tutti i supermercati si trova anche la Stevia rebaudiana, pianta erbacea le cui foglie, essiccate e macinate, hanno un alto potere dolcificante (ma ne sentirete di nuovo parlare…altri esperimenti sono in vista!). Il trucco è anche quello di associare questi prodotti a frutta fresca, secca o disidratata che contribuisca ad accrescere la dolcezza della vostra ricetta. E in questo, l’uvetta e il cocco sono dei campioni.

biscotti-al-malto-dorzo5

I dolcetti di oggi sono composti da biscottini al malto d’orzo (il cui sapore ho apprezzato molto più della volta scorsa, quando lo usai nel plumcake) e da una farcitura di ricotta, miele e pistacchi.

La ricetta viene dalla Cucina Italiana di settembre e come al solito il risultato finale non mi ha deluso…con la Cucina Italiana si va sempre sul sicuro!
La ricotta ammorbidisce i biscotti e rende questi finti baci di dama soffici e delicati, mentre il malto d’orzo dà un sapore particolare che a me è piaciuto molto. L’unica accortezza sta nel farcirne un numero limitato ogni volta, oppure nel conservarli in frigo se non si finiscono subito, visto che la ricotta potrebbe guastarsi rapidamente.

biscotti-al-malto-dorzo8

BISCOTTI AL MALTO D’ORZO CON RICOTTA E PISTACCHI

Dose: 24 pezzi       Tempo di preparazione: 50 minuti       Tempo di cottura: 20 minuti

Per i biscotti:

  • 150 g di farina di farro
  • 100 g di farina 00
  • 80 g di malto d’orzo (quello liquido in barattolo, della consistenza simile al miele)
  • 50 di burro
  • 1 bustina di lievito (o 16 g di cremor tartaro)
  • 1 uovo
  • scorza di limone
  • un pizzico di sale

Per la farcitura:

  • 200 g di ricotta vaccina freschissima
  • 40 g di miele di acacia
  • 50 g di pistacchi sgusciati non salati

Mescolate le farine e lavoratele con il burro freddo tagliato a cubetti fino ad ottenere un composto bricioloso. Aggiungete un pizzico di scorza di limone grattugiata, il malto d’orzo, l’uovo, il lievito e un pizzico di sale e impastate fino ad ottenere un panetto omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e fate riposare in frigo per mezz’ora.

Lavorate la ricotta con il miele e riponete in frigo fino all’utilizzo, in un recipiente chiuso con pellicola.
Tritate i pistacchi in granella.
Stendete la pasta a circa 5 mm di spessore e ritagliate tanti dischetti di circa 4 cm di diametro.
Cuocete a 180° per 10 minuti, sfornate e fate raffreddare.
Accoppiate i biscotti a due a due, farcendoli con la ricotta; poi, tenendoli tra due dita, passateli nella granella di pistacchio, facendola aderire alla ricotta. In questa operazione potete anche aiutarvi con un cucchiaino, versando i pistacchi dall’alto ed eventualmente premendo con delicatezza per fissarli meglio.

biscotti-al-malto-dorzo11

Share

You May Also Like

15 comments on “Biscotti al malto d’orzo con ricotta e pistacchi. Ma senza zucchero

  1. 20/11/2014 at 10:18

    Che belli! Ricordano i macarons 😉 …anche io amo sperimentare con dolcificanti diversi… Per ora ho provato malto d’orzo e malto di riso (il piú dolce) …l’agave e la stevia… Ed il miele of course…E devo dire che son tutti ottime alternative! …dici bene che per aiutare la dolcezza usare la frutta secca, uvetta, datteri etc,.. Aiuta! 😉 ti rubo qualche biscotto x la colazione! 😉

  2. 20/11/2014 at 11:14

    Complimenti ti sono venuti davvero bene!!!!

  3. 20/11/2014 at 11:30

    Bene, diventerai una mia grande fonte di ispirazione! Mio marito e mia figlia sono diabetici entrambi e lo zucchero è bandito da casa nostra. Bravissima 🙂

    • 20/11/2014 at 12:04

      Mi fa piacere di esserti stata utile!! Spero che troverai altre ricette che fanno al caso tuo qui da me…e altre ne inserirò in futuro! 🙂
      Grazie e buona giornata!
      Alice

  4. 20/11/2014 at 16:45

    Anch’io, come Terry, li ho associati ai macarons. Il malto d’orzo lo uso spesso,sia come altrernativa dolcificante che per attivare gli impasti. Ero senza connessione (cambio gestore-ello docet ma non sape 😀 ) Nel frattempo ho preparato una torta ed ho sostituito lo zucchero semolato con quello di canna e mi è venuto in mente il tuo post precedente e, come sempre ho sorriso 😉 La giusta misura è la regola a meno di non avere patologie no? Un bacione Alice <3

  5. 20/11/2014 at 16:51

    <3

  6. 21/11/2014 at 00:44

    Dopo il post sullo zucchero e questo su malto d’orzo e alternative varie direi che c’é della sapienza! Ricotta e pistacchi cmq mi sembrano una garanzia come farcia!

    • 21/11/2014 at 15:19

      Ahahah! Sapienza no…più che altro curiosità! ☺ Ed è vero, pistacchi e ricotta sono un classico!

  7. 21/11/2014 at 13:03

    Sembrano davvero deliziosi!!!

  8. 01/12/2014 at 13:56

    Questi “finti macaron” hanno attirato la mia attenzione proprio per il malto d’orzo e perché mi hanno ricordato le meringhette francesi che vanno tanto di moda… ma non lo sono! Sembrano anzi anche migliori… Bella ricetta!

    • 02/12/2014 at 00:10

      Grazie! A pensarci bene sono proprio l’opposto perchè non hanno zucchero e quindi sono molto più sani… e quindi a me piacciono anche di più!
      Ciao, a presto!
      Alice

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *