Crostata al cacao con albicocche e ricotta

united_kingdom_640

A me piacciono le ricorrenze. Le tradizioni. Il ripetere le stesse cose a distanza di anni.
Mi dà il senso del tempo che passa.
Mi permette di fare piccoli micro-bilanci durante la via, di indulgere un attimo nei ricordi, di ritrovare una vecchia me.
Per esempio, ripensare a come ero nella sera di S. Giovanni di uno, due, tre anni fa.

S. Giovanni, il 24 giugno, è il patrono di Firenze e la città lo festeggia con uno spettacolo di fuochi d’artificio. Sin dal mio primo anno fiorentino, quando ero in città da pochi giorni, ancora disorientata dal cambio di lavoro, di prospettiva, di possibilità che mi si paravano davanti, sin da allora ho assistito ai fuochi.
E’ stato molto bello perché è uno spettacolo gioioso e coinvolgente, che allora non avevo mai visto. E’ stato bello anche perché ero con una persona che ha saputo farmelo apprezzare, che è stata la mia prima compagna in quei giorni strani e con la sua rassicurante e dolce presenza mi è stata vicina in questi anni, e continua ad esserlo.
Da allora, ogni anno, aspetto con piacere questo appuntamento, da condividere con lei.

crostata-albicocche5

E ogni anno faccio una specie di riepilogo, penso a chi era con noi gli anni precedenti, da quale prospettiva abbiamo visto lo spettacolo, chi abbiamo incontrato, se c’è stato qualche piccolo evento particolare.
Penso a quale era il mio stato d’animo, cosa avevo fatto durante la giornata, chi avevo in testa e nel cuore.
E guardandomi indietro è un po’ come se passassi rapidamente in rassegna la mia vita a Firenze.
Vedo una me differente ad ogni S. Giovanni, rifletto su come sono cambiate le situazioni e le persone in relazione a me, rivedo volti e sensazioni. E poi sospiro e sono felice.

La domanda “what next?” aleggia inevitabile, ma scuoto la testa e la allontano. Mi sistemo nella nostra postazione e mi godo l’attesa di quelle luci scintillanti e rumorose, che si rifletteranno nei miei occhi illuminandomi il sorriso.

crostata-albicocche7

Per il pic nic di S. Giovanni, quest’anno ho sperimentato uno nuova crostata. Ho scoperto dal mio recente viaggio in Austria che il tandem cioccolato-albicocche mi piace parecchio, contrariamente a quanto avevo sempre creduto, ed ho quindi pensato di riproporlo in un dolce facile da trasportare e che rende onore a questo frutto di stagione e alla sua asprigna dolcezza.
La frolla non è quella tradizionale, bensì alleggerita e resa meno friabile dalla presenza di un po’ di lievito, così che potesse accogliere al meglio la crema di ricotta.

CROSTATA AL CACAO CON RICOTTA E ALBICOCCHE

Per la frolla:

  • 240 g di farina 00
  • 20 g di cacao
  • 100 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di lievito
  • un pizzico di sale

Per il ripieno:

  • 300 g di ricotta vaccina
  • 8-10 albicocche mature (circa 500 g, intere)
  • 1 cucchiaio e 1/2  di maizena
  • 100 g di zucchero
  • 2 tuorli
  • semi di 1/4 di bacca di vaniglia

crostata-albicocche1

Lavate le albicocche, denocciolatele e tagliatele a piccoli pezzi. Mettetele in una casseruola con 50 g di zucchero e la maizena e fate cuocere per circa 20 minuti a fuoco lento.
Setacciate la farina con il cacao e il lievito; aggiungete il sale, fate una fontana e unite le uova una alla volta sbattendole con una forchetta. Unite lo zucchero e il burro fuso e impastate con la forchetta finché potete, poi rovesciate tutto sulla spianatoia e impastate rapidamente con le mani. Avvolgete nella pellicola e lasciate riposare 30 minuti in frigo.
Setacciate la ricotta facendole perdere tutto il siero, poi unite i tuorli, 50 g di zucchero e i semi di vaniglia. Quando le albicocche saranno intiepidite, unitele alla ricotta mescolando delicatamente con un cucchiaio.
Imburrate uno stampo a cerniera da 22 cm di dimetro e foderatelo con 2/3 della frolla. Non essendo una frolla comune avrete un po’ di difficoltà a stenderla con il mattarello perché tenderà ad appiccicarsi. Io la stendo un po’, poi la trasferisco nello stampo e la sistemo con le dita dandole lo spessore desiderato (2-3 mm circa, altrimenti verrà troppo alta, data la presenza del lievito). Versatevi la farcia di ricotta e decorate la crostata come preferite: strisce, foglie, cuoricini…
Cuocete a 180° per 45-50 minuti.

 

Share

You May Also Like

35 comments on “Crostata al cacao con albicocche e ricotta

  1. 30/06/2014 at 13:05

    vedi perchè mi piaci così tanto? anche io come te sono amante e legata alle ricorrenze e al ricordo con uno sguardo rivolto eprò semrpe anche al futuro.
    Adesso però devo dirtelo, sono stordita da qst ricetta e nel mio immediato futuro vedo solo la riproposizione della tua crostata ce ha tutto ciò che desidero.

    • 30/06/2014 at 14:12

      Grazie mia cara Elena, anche io mi ritrovo spesso nelle tue parole.
      E se vorrai replicare, a modo tuo, questa crostata sarà un onore per me! 😀

  2. 30/06/2014 at 14:20

    Ciao Alice, ecco cosa hai sfornato oggi, la ricetta per conservare inalterati i ricordi e riviverli di anno in anno e questa crostata che, assomiglia al sole e si è confusa tra le luci scintillanti della festa di San Giovanni ed ha di sicuro illuminato il vostro pic nic .
    Ciao <3

    • 30/06/2014 at 14:43

      Che belle le tue parole…mi piace che questa crostata sia associata al sole che ha scaldato le albicocche..e che ha illuminato l’attesa dei fuochi!
      Un abbraccio e buona giornata! ♥

  3. Che meraviglia!!! Con qualche piccola modifica sugli ingredienti (le mie adorate intolleranze) potrei prepararla .. si si, mi hai convinta!!
    Buon inizio di settimana
    Manu

    • 30/06/2014 at 14:44

      Mi fa piacere! Io lancio un’idea…poi ognuno apporta le modifiche che preferisce e la personalizza! 😀
      Buona giornata!
      Alice.

  4. Anche io sono un’amantge delle tradizioni e ho spesso un occhio al passato per valutare in che direzione sto andando e per fare bilanci. Sono contenta che il tuo bilancio sia positivo, il mio a volte non lo è e sono sempre molto critica nei confronti di me stessa e di quello che faccio. Anche a Torino si festeggia San Giovanni con una bellissima (mi dicono) festa, alla quale però non ho mai partecipato, perchè cade in giorni lavorativi e io sono sempre a Milano.
    Che particolare questa crostata. Mi ispira tantissimo. La potremmo aggiungere ai dolci che ci porterai quando ci vedremo 🙂
    Un bacione e buon inizio settimana

    • 30/06/2014 at 14:47

      Be’, non sempre il bilancio è positivo e soddisfatto…io ho voluto fotografare questo momento perché secondo me ne valeva la pena!
      La crostata ha ingredienti molto semplici ma messi insieme mi sono piaciuti…e faceva tanto estate! 🙂
      Non fare la furba che anche io voglio qualche assaggio delle tue specialità quando ci vediamo…mica penserai di cavartela così? 😉
      Un bacio e buona giornata!

      • Ok, ok, vi porto le bustine che vi ho promesso 😉
        Un bacione a te

        • 30/06/2014 at 14:54

          🙁 🙁 🙁
          😀

        • 30/06/2014 at 15:32

          ma sì io direi che Alice non può cavarsela senza aver portato questa crostata (sempre che sarà sempre tempo di albicocche)…a me questa combo piace un sacco e se ci mettiamo la nostra amata ricotta ne viene fuori un dolce strepitoso!!! baci a tutte due…e aspetto la data!

          • 30/06/2014 at 15:40

            Ok…la lista si allunga! 🙂

          • 30/06/2014 at 15:41

            ti ci vuole tutto il vagone del treno!!!

  5. 30/06/2014 at 15:02

    Stupende le foto e meravigliosa questa crostata! Felice settimana! 🙂

  6. 30/06/2014 at 15:29

    mi è venuta l’acquolina in bocca.

    http://www.nonsidicepiacere.it

  7. 30/06/2014 at 16:37

    Bella la crostata riflessiva, e bello potersi soffermare anche sui ricordi e le sensazioni!
    A me l’abbinamento albicocche cioccolato piace molto (non a caso la ricetta della sacher che mi desti è un dolce molto buono, secondo me), e questo penso che lo sia altrettanto. Qui non ci sono i fuochi per San Giovanni, come ben sai, ma mia nonna ci ha tramandato la tradizione dell’acqua profumata e l’abbiamo preparata la notte prima, per poi usarla per lavare la faccia la mattina del 24! 😉

    • 30/06/2014 at 19:22

      Che bella l’acqua di S. Giovanni! Anche il mio babbo la prepara sempre…peccato che da qui non la posso avere…
      E comunque, i fuochi tra poco li avete anche voi…anche se non proprio come quelli di S. Giovanni! 😉

  8. 30/06/2014 at 16:38

    Una torta invitante ed esteticamente molto bella, di quella bellezza un po’ rustica che prediligo, in barba a tutti i cake designers che spopolano in tv. I fuochi di San Giovanni sono una tradizione anche qui a Monza, da quando abito qui li vedo dal mio terrazzo tutti gli anni e scandiscono il tempo meglio del capodanno che per me passa totalmente in sordina. Un abbraccio:)

    • 30/06/2014 at 19:24

      E’ vero! Mi sento un po’ come “si presume” ci si dovrebbe sentire a capodanno, ricorrenza che per me passa totalmente inosservata… Mi piace che ognuno di noi elegge il proprio punto di passaggio personale, in barba a quelli che vengono imposti dal calendario. 🙂
      Inutile ti dica che anche io sono per i dolci rustici e semplici, e che il cake design è quanto di più lontano dalla mia personalità, non solo culinaria…sono contenta che siamo in molti a pensarla così!
      Un abbraccio!

  9. 30/06/2014 at 22:18

    Due come essere una a riflettere con occhi lucenti le stelle brillanti di S. Giovanni… Così è ogni anno: un attimo sospeso di felicità assoluta fra passato e futuro!

  10. 01/07/2014 at 11:13

    Di guardarmi indietro sono esperta… 😉 Ed è vero, ricorrenze, date ed eventi che tornano puntuali ogni anno ci spingono a riflettere… e in parte sono anche rassicuranti, perchè sono una certezza, non svaniscono… ad un numero è associato qualcosa che spesso assume importanza e che è bello ricordare… solo il compleanno dopo i 35 anni pesa un po’, ahaha, ma questa è un’altra storia ed è un problema mio col passare del tempo… 😛
    L’abbinamento marrone-cioccolato e arancione/giallo-albicocca è bellissimo, ormai sempre di più vengo attratta non solo dal mix di sapori ma anche dall’unione dei colori, dall’armonia o dall’energia che emanano… e qui ne vedo tanta, che incontra il calore del legno e rende speciale qualsiasi spuntino! 🙂

    • 01/07/2014 at 11:22

      Grazie Francesca! 🙂
      Anche a me questi due colori piacciono, li trovo molto caldi e avvolgenti…Tutta la tua passione per i colori e gli abbinamenti esce da ogni tua fotografia…e mi conquista sempre!
      Il compleanno io lo festeggio sempre volentieri… anche se con il passare del tempo noto qualche incrinatura nel mio entusiasmo… 😉
      Un abbraccio!

  11. 01/07/2014 at 23:08

    cacao, ricotta e albicocche! un connubio perfetto! 😉

  12. 02/07/2014 at 07:33

    Mi piacciono le ricorrenze e, quella di San Giovanni in particolare perchè legata a ricordi belli. Ottimo l’abbinamento cacao e albicocche. Ciao, un abbraccio

    • 02/07/2014 at 08:34

      Mi fa piacere che approvi 😉
      E grazie per essere passata di qui!
      A presto,
      Alice

  13. 02/07/2014 at 17:09

    Belli i tuoi ricordi, il filo dei tuoi pensieri in cui mi ritrovo molto! Nel guardare al passato, nel sorridere ai ricordi e nel pensare con curiositá al futuro! 🙂
    Favolosa questa crostata, un abbinamento che voglio provare anche io! 🙂
    Baci

    • 02/07/2014 at 17:20

      Grazie cara Terry! Sono contenta che ti sia piaciuta…e che siamo simili in questa attitudine riflessiva! 🙂
      Buon pomeriggio!
      Alice

  14. 02/07/2014 at 20:51

    Che meraviglia la tua crostata al cioccolato. bella e golosa , segno subito la ricetta. Buona serata Daniela.

  15. 02/07/2014 at 23:31

    Pur avendo un Giovanni in casa non sapevo fosse il patrono di Firenze: gnurante!! Questa torta è bellissima sia nei colori che immagino nei sapori e soprattutto un’idea in più per smaltire le albicocche che mi invadono casa! cri

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *