Ho fatto un arrosto!

united_kingdom_640

Vi capita mai di fare ricette che riescono bene, vi soddisfano sia all’occhio che al palato ma non avete la foto e non le potete pubblicare? Sento un coro di sì.
A me capita spesso di avere foto bruttine, magari perché fatte al volo in attesa degli ospiti, senza avere la possibilità di preparare un po’ l’ambientazione e le luci. Per non parlare delle foto fatte con la luce artificiale, per le quali sono totalmente impreparata.
E così tanti piatti rischiano di non vedere mai le luci della ribalta, relegati in un angolino per via di una foto che non rende loro onore. E hai voglia a dire “lo rifarò”, ci sono sempre troppe ricette da provare e poco tempo per ripetere.
Ma oggi mi sono detta, che cavolo, questo è un blog di cucina, mica di fotografia! Va bene cercare rispettare uno standard minimo, ma perché penalizzare una buona ricetta se non ha avuto in sorte di essere immortalata in un set da star? E così, mi sono decisa a proporvi questa ricetta, che è anche molto importante perché…è il mio primo arrosto!

arrosto
Ebbene sì, per venire incontro ai gusti tradizionali dei miei, al momento di invitarli a pranzo ho pensato che un bell’arrosto di maiale potesse incontrare i loro gusti più delle polpettine di legumi (ma anche i vostri genitori sono così?). Però un tocco leggermente diverso lo volevo dare e così l’ho farcito con castagne e prugne secche.
Il risultato non è stato niente male e la cottura – che mi impensieriva non poco – era quasi perfetta. E considerata la stagione, direi che potrebbe anche essere un’idea per il pranzo di Natale, no?

ARROSTO DI MAIALE CON CASTAGNE E PRUGNE SECCHE

Dose per 6 persone:

  • 1 kg di lombo di maiale
  • 40 castagne fresche o secche
  • 200 g prugne secche denocciolate
  • rosmarino
  • aglio
  • sale e olio evo
  • spago da cucina

Il giorno precedente avevo fatto lessare le castagne fresche, con la buccia, in abbondante acqua con qualche foglia di alloro. Una volta raffreddate, le ho sbucciate (compresa la pellicina morbida più interna) e tenute in frigo. Se le castagne sono ormai fuori stagione potete comunque usare quelle secche, basta tenerle in ammollo per una notte, togliere le pellicine e poi lessarle in abbondante acqua.
Per quanto riguarda la carne, la prima cosa da fare è tagliare il lombo “a libretto”, cioè formando una serie di tagli in orizzontale che vi consentano di ottenere una specie di pagine tra le quali inserire il ripieno di castagne e prugne. Io ho approfittato della gentilezza del mio macellaio che l’ha fatto per me, in 2 minuti netti; sono certa che anche il vostro sarà pronto a fare lo stesso, se non volete cimentarvi di persona.
Con le forbici, ho sminuzzato grossolanamente le prugne e le castagne e le ho mescolate insieme, lasciandone da parte alcune intere; con una parte del composto (meno della metà) ho farcito la carne cercando di non farlo fuoriuscire. Poi ho legato il lombo ben stretto con dello spago da cucina. In un tegame dai bordi piuttosto alti ho fatto scaldare due o tre cucchiai d’olio con due spicchi d’aglio e due rametti di rosmarino. Poi ho tolto l’aglio e ho messo il lombo, facendolo cuocere a fiamma viva per 8-10 minuti, girandolo ogni 2 minuti su ogni lato, in modo da sigillarlo, cioè per formare una sorta di crosticina dorata sulle superfici. Questa operazione serve per non far fuoriuscire i succhi durante la cottura in forno e mantenere la carne interna più morbida.
Ho trasferito l’arrosto in una teglia da forno con un po’ d’olio, l’ho coperto con un foglio di alluminio e ho infornato a 200° controllando ogni tanto perché non si attaccasse ed aggiungendo eventualmente un pochina d’acqua. Circa 40 minuti dopo l’inizio della cottura ho tolto l’alluminio, aggiunto il resto delle castagne e prugne (anche quelle intere) e fatto cuocere per altri 20 minuti circa. Considerate che in genere si dice che ci vuole un’ora per ogni chilo di carne. Una volta terminata la cottura l’ho lasciato nella teglia, fuori dal forno e coperto da alluminio.
Dopo una mezz’ora potrete togliere lo spago e tagliarlo a fette, disponendolo sul piatto da servizio con l’accompagnamento di prugne e castagne.
Per paura che il mio arrosto restasse troppo asciutto, io avevo fatto anche una salsina, a base di prugne e castagne lesse disciolte nel latte. Le proporzioni dipendono dal vostro gusto e dalla consistenza che volete ottenere. Io vi consiglio di iniziare con poco latte nel quale far cuocere ancora le castagne e le prugne finché non si disfano completamente, aggiungendo altro latte qualora ce ne sia bisogno.

Share

You May Also Like

15 comments on “Ho fatto un arrosto!

  1. 19/12/2013 at 18:13

    Che bella ricetta! Io con gli arrosti ho un rapporto di amore e odio: mi piacciono moltissimo (da mangiare) ma quando provo a farli il risultato è sempre incerto, nel senso che a volte sono buonissimi e altre rimangono asciutti…mistero dell’arrosto 😉

    • 19/12/2013 at 19:04

      Io devo aver avuto la fortuna del principiante! Anche a me piace ma non mi ero mai azzardata a provare…adesso direi che serve un secondo tentativo per vedere come va! 🙂

  2. 19/12/2013 at 21:08

    maddai ..è stupendo!!!! e originale!!!! assolutamente adatto per natale e feste annesse!!

  3. Alla tua domanda ho risposto tra me e me: ” Un sacco di volte :)” e ironia della sorte, a volte sono le ricette migliori, ma non si può sempre aspettare mezz’ora per mangiare 🙂 Complimenti per il tuo primo arrosto! Sei partita con una ricetta molto laboriosa! Prugne e castagne devono essere proprio un ottimo ripieno! Io l’arrosto lo faccio sempre in pentola, ho imparato da mia mamma a farlo così, ma il metodo corretto è sicuramente il tuo. Mi riprometto di provare una volta la cottura in forno, anche se come sai, le occasioni per cucinare la carne cerco di centellinarle (ma quanto mi piace). Un abbraccio

    • 19/12/2013 at 21:33

      Grazie! Veramente ero indecisa se cuocerlo in forno o soltanto in pentola, perchè avevo trovato anche alcune ricette che suggerivano di fare così… Alla fine sono rimasta soddisfatta ma magari la prossima volta proverò una cottura diversa.
      Anche a me piace molto la carne ma in realtà ne mangio poca…così quando succede me la gusto di più! 🙂

  4. 19/12/2013 at 22:18

    nel coro dei siiii c’era anche il mio, foto bruttine o frettolose non degne di essere pubblicate, ma pietanze gustosissime…come questo tuo super arrosto molto natalizio! Ti ricordi? anche Ciuchino diceva a Shrek di non dimenticare le castagne per l’arrosto di Natale!! Comunque la foto mi sembra bellissima, sembra di poterne sentire l’odore e il rumorino sfigolante!!!

    • 20/12/2013 at 00:49

      A dire il vero non ricordo questa frase di Shrek…sarà che l’ho visto tanto tempo fa! Ma c’è da dire che le castagne ci stanno proprio bene! 🙂
      E tante volte le ricette peggio fotografate sono quelle meglio riuscite!
      Grazie e un abbraccio! 🙂

      • 20/12/2013 at 10:53

        UhUh non la ricordi forse perchè era in una mini puntata natalizia che fecero anni fa, non nel film!! 😉

  5. 19/12/2013 at 22:46

    Cercherò di seguire i tuoi consigli, non sono brava con gli arrosti ma questi sapori li adoro. Domani compro gli ingredienti…

    • 20/12/2013 at 00:39

      Dai!! Fammi sapere se decidi di farlo. Per me è stato un po’ come fare il mio primo piatto “da grande” 😉

  6. 20/12/2013 at 16:55

    hai detto bene Alice è un blog di cucina e non di fotografia e poi molte delle foto che vedi in giro sono artefatte cioè ritoccate al computer…certo ci piace fare un bello scatto, mettere lo straccetto che fa pandant, la forchettina però per me l’essenza rimane il piatto. Io quanto non posso scattare con la reflex (in casa mia le luci non sono alte), visto che non ho certo intenzione di comprarmi un faretto, pannelli riflettenti e quant’altro, vado con instagram…i suoi filtri rendono belle alle foto più ciofeche.
    Ma veniamo all’arrosto. Sei stata bravissima…ed immagino i tuoi genitori abbiano apprezzato moltissimo!!! Avrei cucinato la carne anche per i miei perché sono abbastanza tradizionali soprattutto il papino…
    Ora che ti sei cimentata alla grande puoi allora invitare i suocere!!!!

    bacioni e buon weekend
    (per gli auguri di Natale ci sentiamo nei prossimi giorni)
    Silvia

    • 20/12/2013 at 20:17

      E’ vero, io a volte tendo un po’ a farmi prendere la mano dall’aspetto estetico (che comunque non è mai al livello che vorrei), ma in realtà quello che conta è la sostanza! E poi, con i miei modesti mezzi a disposizione posso essere soddisfatta, dai! Magari per il prossimo anno inizio a pensare ad una reflex anche io, sebbene non avrei certo intenzione di prendere tutta l’apparecchiatura per le luci artificiali: la mia casa non è abbastanza grande per tutti! 🙂
      L’arrosto mi ha lasciato soddisfatta…ma la suocera è una campionessa del settore, non mi permetterei mai di farglielo trovare in tavola!! 😉
      Baci e buon weekend anche a te!

  7. 21/12/2013 at 16:06

    Concordo!… la giro deve rendere l’idea del piatto ma anche se nn è perfetta ma il piatto merita bisogna condividere! Mi sa che questo arrosto è una favola! 🙂

    • 21/12/2013 at 17:34

      Il mio primo arrosto…non lo potevo scartare solo per via della foto…in fondo è uno step importante per la mia cucina! 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *