Ho sempre trovato curioso questo nome: Anzac, soprattutto per dei biscotti. Mi ricorda più un farmaco, in realtà, tipo prozac. Biscotti medicinali contro la noia e la tristezza, chissà se si possono brevettare? Va be’, lasciamo perdere. Questo strano nome è un acronimo che sta per Australian and New Zealand Army Corps. Pare infatti cheContinue reading

3
Share

Che regalo, essere di nuovo insieme su quel pontile, io e te. In un dopo pranzo di sole, mi passi a prendere e andiamo al nostro lago, su quel pontile che ha sentito tante confidenze, e ha intuito altrettante cose non dette. Con il lago a cullarci, proprio come tanti anni fa, ma con unContinue reading

3
Share

Mi vien da dire che mi è sempre piaciuto correre, ma non è così. Anzi, per molto tempo sono stata allergica a qualsiasi attività fisica. In realtà, la passione per la corsa è storia recente, nata per caso e stroncata abbastanza presto da ginocchia che vanno per i fatti loro. Pazienza, ormai me ne sonoContinue reading

6
Share

Ci sono torte che nascono da sole. Vengono fuori già con le parole, tanto per parafrasare una canzone che ha fatto storia. È accaduto così con questa charlotte, nata da un’associazione di idee e subito messa in pratica. Il fatto è che in dispensa avevo ancora una confezione dei biscotti rosa di Reims, prodotti dallaContinue reading

5
Share

Tempo di prove, sperimentazioni, ripartenze. Alcuni di voi già sanno che lo scorso weekend ho seguito un corso di fotografia con la bravissima Stefania Casali per imparare ad usare la luce artificiale. Finora mi sono sempre affidata alla luce della mia finestra, che piano piano ho imparato a conoscere e – in parte – aContinue reading

4
Share

Questo libro mi ha fatto compagnia nel viaggio di andata verso Vienna, di notte, su un treno tranquillo e silenzioso. Mi è piaciuto molto il suo spirito dissacrante, irriverente e sincero, e alcune frasi continuano a risuonarmi nella mente a settimane di distanza. Le cose importanti, nella vita, sono così poche e semplici. Basta guardarsiContinue reading

4
Share

I libri di cucina, che passione. Posso passare ore a sfogliarli, perdendomi tra le loro pagine, immaginando sapori, immagazzinando idee e suggestioni. Se avessi soldi e spazio ne comprerei a centinaia, ma i soldi e lo spazio sono limitati, e limitata è pertanto la mia biblioteca gastronomica. La mia amica Betulla mi ha invitato aContinue reading

4
Share

Due prime volte in una: la tortilla di patate e l’uovo pochè, detto anche uovo in camicia, ma si sa che ho un debole per il francese. L’occasione è la sfida n. 72 dell’MTChallenge, dove la nostra mitica Mai ha proposto di rifare la tortilla – suo cavallo di battaglia che ho potuto gustare preparataContinue reading

5
Share

La panna cotta non mi ha mai entusiasmato. O perlomeno, non quelle che si trovano comunemente nei ristoranti. Compatte e dense per la troppa gelatina, insapori se non per lo zucchero, accompagnate da insulsi topping ai frutti di bosco o salse al caramello in barattolo. Forse non frequento ristoranti abbastanza buoni, e anche questa èContinue reading

2
Share

Tendo a complicarmi la vita, lo so. E più cerco di sfrondare e semplificare, più finisco preda dei miei contorsionismi mentali. Il bello è che spesso mi incarto per le cose più insignificanti. Come scegliere la torta da fare, per esempio. Prendo in considerazione un’infinità di parametri perché – oh – in fondo, fare torteContinue reading

4
Share