I cento libri che rendono più ricca la nostra vita – P. Dorfles

Per chi non ama la lettura, un libro che parla di libri deve suonare come la perversione assoluta. Per chi la ama, invece, è la beatitudine. Soprattutto se l’autore è Piero Dorfles (nipote di Gillo), che ci porta per mano dentro ai paesaggi mutevoli della letteratura, alla scoperta dei Cento libri che rendono più ricca la nostra vita.

dorfles

Una raccolta del genere avrebbe potuto essere dannatamente noiosa o, come minimo, supponente. Invece Dorfles snocciola i più grandi libri della letteratura di tutti i tempi come se fossero fiabe delle buonanotte, si resta incollati alle sue parole, che in poco più di una pagina riescono a trasmettere l’essenza e il significato profondo di ogni libro.

Sono titoli famosissimi. Molti li si leggono a scuola, o da ragazzi, gli altri è facile averli sentiti almeno nominare. Si ritrovano vecchi amici e si incontra qualche conoscenza superficiale, che adesso si ha voglia di rivedere presto, per una disamina finalmente più approfondita.

Io sono tornata bambina al solo nome di Phileas Fogg (Il giro nel mondo in Ottanta giorni) e con Jim de L’isola del tesoro, il primo libro che presi in prestito dalla biblioteca della scuola. Ho fatto un giro in battello nel Mississippi con Huckelberry Finn e mi è tornato in mente tutto, come se fosse quell’estate di tanti anni fa. Ho attraversato l’adolescenza, con il visionario Orwell e con la disumanità indicibile di Se questo è un uomo. Mi sono gustata di nuovo quei lontani pomeriggi estivi passati a leggere Agatha Christie, e ancora altri mille momenti personali mi sono tornati in mente, insieme alle pagine di quei libri. Perché ogni libro si lega indissolubilmente al nostro io dei giorni in cui lo abbiamo letto, e rileggerlo a distanza di tempo significa fare un’esperienza completamente nuova.

Ci sono vuoti enormi che spero di colmare con il tempo, ma mi chiedo se per alcuni libri, come Ventimila leghe sotto i mari, per esempio, di cui Dorfles dà una lettura lucidissima e sconvolgente, non sia ormai troppo tardi. Perché la lettura di certi romanzi ha un’età privilegiata e se non si è fanciullini dentro non ci si possono godere avventure fantastiche a cuore leggero, senza che gli assilli del vivere quotidiano spuntino di continuo da dietro la rilegatura.

Vorrei nominarli tutti, ma non avrebbe senso. Mi limito a consigliarvelo, di tutto cuore. Io l’ho letto la sera prima di dormire, nella massima tranquillità, e voltavo pagina come in un romanzo, avida di scoprire il libro successivo. Potete anche prenderlo come un banco di prova e contare, alla fine, quanti ne avete letti e quanti no. Io pensavo di essere a buon punto, e invece ho scoperto di averne letti appena trentadue. C’è ancora molto da fare. Per fortuna.

 

 

Share

You May Also Like

3 comments on “I cento libri che rendono più ricca la nostra vita – P. Dorfles

  1. 29/09/2017 at 11:20

    Non è sempre facile riuscire ad appassionare proponendo libri sui libri, che spesso non sono utili a chi già legge e, per altri motivi, a chi non ama farlo. Se invece traspare la passione si trasformano in una vera e propria lista dei desideri, come sembra sia in questo caso. Mi piacerebbe leggerlo e sono sicura troverò dei bellissimi vuoti da colmare al più presto! Grazie per la segnalazione

    • 29/09/2017 at 22:36

      Grazie a te per essere sempre presente…quando scrivo di libri a volte mi sembra di scrivere solo per me stessa 🙂

  2. 23/10/2017 at 10:27

    grazie!!
    🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *