Crema fresca al basilico con mais e semi di zucca

united_kingdom_640

Click to translate

A me la voglia di accendere il forno non passa mai. Anche con 40 gradi all’ombra sogno di sfornare plumcake e crostate e spesso, impavida, sfido la calura e metto in atto i miei propositi. Attirandomi sguardi attoniti da parte di amici e parenti e maledicendomi da sola quando sono sul punto di liquefarmi, avvolta in bollenti effluvi di burro e col naso attaccato al forno.

Ogni tanto, però, prevale l’istinto di conservazione e capita che mi dedichi anche io a ricette veloci senza cottura. Ed effettivamente, la salute ne guadagna.

zuppa-di-mais-e-insalata-6

Con questa ricetta, avrete in pochi minuti un primo piatto fresco e leggero grazie al basilico e all’insalata, con un po’ di sostanza data dal mais e il gusto e la croccantezza dei semi di zucca. Senza dimenticare che è un concentrato di salute! Le mandorle e i semi oleosi, infatti, forniscono l’apporto di acidi grassi e la verdura fresca è un carico di vitamine e sali minerali indispensabile in questi periodi di calura. Con buona pace di torte e crostatine. (Che tanto sono già in agguato, lo sapete, no?).

zuppa-di-mais-e-insalata-1

Io ho deciso di sbollentare appena l’insalata (giusto per innalzare di quel paio di gradi la temperatura della cucina, che sennò mi faceva freddo), ma è un passaggio che si può tranquillamente omettere, per una ricetta totalmente senza fuoco.
Non sembra, ma è anche una ricetta vegana, il che – ogni tanto – non guasta. Al posto del latte di soia, ovviamente, potete usare latte vaccino oppure latte di avena, di mandorle, di riso…tutto quello che volete, in base alla virata che volete dare al sapore della vostra zuppa.

Per quanto riguarda il mais, io ho usato quello fresco, da una pannocchia avanzata dalla grigliata della sera precedente (per la preparazione, vedi le note in fondo al post). Nulla vieta di usare quello in scatola, ma risulta ancora più dolce e se decidete di usare un latte che ha molti zuccheri rischiate di ritrovarvi un piatto che assomiglia più ad un dessert che a una zuppa! Anche per questo io ho scelto il latte di soia.

zuppa-di-mais-e-insalata-11

CREMA FRESCA AL BASILICO CON MAIS E SEMI DI ZUCCA

Dose: 2 porzioni      Tempo di preparazione: 10 minuti       Tempo di cottura: 2 minuti

Ingredienti

  • 300 g di insalata gentile
  • 30 g di foglie di basilico
  • 3 cucchiai di mandorle
  • circa 100 ml di latte (per me, di soia)
  • 100 g di mais cotto
  • 2 cucchiai di semi di zucca
  • sale
  • olio extravergine d’oliva

Procedimento

Lavate l’insalata e sbianchitela in acqua bollente per 2 minuti. Scolate e passate sotto l’acqua fredda (meglio se mista a ghiaccio) per raffreddarla.
Tritate le mandorle fino ad ottenere una polvere.
Frullate al minipimer l’insalata con il basilico spezzettato grossolanamente, la farina di mandorle e il latte di soia. Iniziate con poco latte e aggiungetene ancora in seguito, in base alla consistenza che volete dare alla vostra zuppa.
Aggiustate di sale e tenete in frigo fino all’utilizzo.
Al momento di servire versate la crema nei piatti e distribuite su ognuno il mais e i semi di zucca, completando con un giro d’olio.

zuppa-di-mais-e-insalata-2

zuppa-di-mais-e-insalata-5

zuppa-di-mais-e-insalata-9

Note:

  • per il mais ho usato delle pannocchie fresche. Ho rimosso le barbe, le ho sbucciate e le ho lessate in abbondante acqua per circa 15 minuti. Poi le ho spennellate generosamente di burro fuso aromatizzato con sale, pepe, paprika e erba cipollina, lo ho avvolte in alluminio e cotte sulla padella di ghisa per 15-minuti, a fiamma medio alta e girandole un paio di volte in modo da farle rosolare bene su tutti i lati. Peccato non aver fatto delle foto delle pannocchie cotte…era troppa la voglia di mangiarle! E ormai, dovrò aspettare il prossimo anno…

pannocchie-3

pannocchie-4

 

Share

You May Also Like

9 comments on “Crema fresca al basilico con mais e semi di zucca

  1. 31/08/2015 at 22:19

    Il passato di Snorky!!! 😀 😀 😀

  2. 31/08/2015 at 22:27

    Ahahah! Boh mi sapevano di verdi… forse perché penso alle alghe… in effetti mi dice Wikipedia che solo Ricciolo Trillo è verde. Ohiohipoerannoiiii!!!!! 😀

    • 31/08/2015 at 22:35

      Ricciolo Trillo?!? ocche nome è?! Si meritava di finire nella zuppa dai! 😀

  3. 01/09/2015 at 14:25

    Ma dove le trovate queste pannocchie simil-plastica? Nel campo qui di fianco hanno tutte le muffe, i bitorzoli e i parassiti del mondo. Vabbè che sono a “lotta integrata”!

    • 01/09/2015 at 14:38

      Mah, io le ho trovate in un campo!! Si vede che era un campo più fortunato del tuo! 😀

  4. 01/09/2015 at 14:41

    Originalissima la tua crema, ma la cosa che mi ha davvero colpito è il mais utilizzato “come la pasta”, una cosa che in casa mia è tipica. Tutto originato dalla nonna istriana, che metteva il mais nel minestrone di fagioli insieme alla costina di maiale affumicata. E ancora oggi è un grande classico di casa!

    • 01/09/2015 at 14:51

      Davvero Giulia? Non so nemmeno come mi è venuto di mettercelo, forse perché avevo bisogno di rendere la zuppa più saziante…e avevo quelle avanzate! 😀
      Ma mi piace pensare che tua nonna lo faceva…le nonne hanno sempre una marcia in più. E infatti a me il mais così è proprio piaciuto, pur non essendone una grande fan.
      Un abbraccio e a presto!

  5. 01/09/2015 at 14:54

    I colori mi arrivano caldi (bella sensazione) e le foto, come sempre, meravigliose. Brava :>

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *