Biscotti morbidi con fiocchi d’avena e miele

Siamo onesti: questi non sono biscotti golosi.
Forse si capisce già dal titolo, ma vi confesso che il mio intento era quello di fare dei biscotti all’avena con dolcificanti alternativi. Dei biscotti semplici, rustici, sani; come quelli che piacciono a me, e a pochi altri.

Prendendo spunto da uno dei miei libri di cucina ho brevettato questa formula, che all’inizio mi ha un po’ delusa perché effettivamente questi biscotti non hanno un sapore molto caratterizzato. Ma a poco a poco ho iniziato ad apprezzarli e adesso me li gusto sempre a fine pranzo o cena, magari con un bicchierino di buon vinsanto.

Sono senza uova e senza latticini. La dolcezza è data prevalentemente dal miele e dall’uvetta, mentre la composta e il succo di mela servono a conferire morbidezza ma non aggiungono molto al sapore. Il biscotto rimane soffice e tenero, mentre la durezza dei fiocchi d’avena crea un piacevole contrasto sotto ai denti.
Forse non vi ho convinto ma…io li ho inseriti nel mio ricettario!

biscotti avena e miele

Biscotti morbidi con fiocchi d’avena e miele

Quantità: 20       Tempo di preparazione: 10′       Tempo di cottura: 10′

150 g di farina 00
80 g di fiocchi d’avena
90 g di composta di mele *
60 g di miele di acacia
40 g di olio di semi
40 g di uvetta
4 cucchiai di succo di mela biologico
1 cucchiaino di bicarbonato

* se volete fare in casa la composta di mele vi servirà:

150 g di polpa di mela (1 mela di medie dimensioni)
25 g di zucchero di canna (sostituibile con del miele)
mezzo bicchiere d’acqua circa

biscotti avena e miele 2

Per fare la composta di mele vi basterà sbucciare la mela, tagliarla a dadini e farla cuocere con lo zucchero e un po’ d’acqua a fuoco medio, finché non diventa morbida. Poi passatela con il frullatore ad immersione.
Mettete l’uvetta a bagno in acqua tiepida per almeno 15 minuti.
In una terrina mescolate l’olio con il miele e la composta di mele, poi unite il bicarbonato, la farina e i fiocchi d’avena. Unite infine il succo di mela e l’uvetta scolata e strizzata.
Disponete il composto a cucchiaiate su una placca ricoperta di carta forno e cuocete a 170° per 12-15 minuti.

biscotti avena e miele 3

Potrebbero interessarti anche:

i BISCOTTI INTEGRALI AL MIELE

i BISCOTTI GRANCEREALE

o il PLUMCAKE INTEGRALE AL MALTO D’ORZO

Con questa ricetta partecipo al contest di Cuoco per caso

contest gusto e salute

Share

You May Also Like

40 comments on “Biscotti morbidi con fiocchi d’avena e miele

  1. 08/04/2014 at 16:18

    mmmh.. che bontà … sarebbe giusto ora di merenda 😉

  2. 08/04/2014 at 16:25

    A me questi biscotti non troppo dolci ispirano molto. Unico problema: non amo molto le uvette ma potrei fare un’eccezione 🙂

    • 08/04/2014 at 16:27

      Be’, puoi sempre sostituirli con altri frutti disidratati che diano un po’ di dolcezza in più… Sì, sono dolcetti rustici, adatti a chi non ama le preparazioni troppo pesanti.
      Buona serata!

  3. 08/04/2014 at 17:06

    bè saremo anche pochi ad apprezzarli, ma io adoro i biscotti di fiocchi d’avena! Io li preparo senza farina e quando li preparo non durano molto, quindi vedi siamo di più di quel che pensi!!!!!! bacini

  4. 08/04/2014 at 19:05

    Sto imparando sempre piú ad apprezzare questo tipo di dolcezza, piú sottile … E poi son dolcetti sani …con meno sensi di colpa (vin santo a parte… 🙂 …che mi hai ricordato di comprare che l’ho quasi finito con la torta fregolota! 🙂 )

    • 08/04/2014 at 19:12

      Sì, è tutta una quesitone di abitudine… E’ facile indulgere in dolci iperzuccherati che però danno una reale dipendenza. Meglio soffermarsi a pensare un attimo in più e, ogni tanto, scegliere qualcosa di più rustico, che richieda più tempo per essere apprezzato dal palato. In fondo, è una questione di educazione del gusto!
      Ma ora mi viene il dubbio: cos’è la torta fregolota? Un dolce fatto con la fregola? Mi sono persa qualche puntata…help! 🙂

      • 08/04/2014 at 19:21

        È tipo una sbrisolona veneta… Quasi un mega biscotto 🙂 …prima o poi la posto! 🙂

  5. 08/04/2014 at 20:14

    Forse non saranno esageratamente golosi, ma a me sembrano davvero ottimi! 🙂

    • 08/04/2014 at 20:46

      Sì, sono buoni!!! Io sono sempre timorosa perché sono circondata da golosoni e temo sempre la reprimenda che c’è poco burro o poco zucchero…magari prima o poi convertirò anche loro ai dolcetti più sobri! 🙂
      Grazie!

  6. Ciao Alice, sai che con me cadi sul sicuro con queste ricette.Questi biscotti devono essere buonissimi. Anche io li preparo in modosimile, ma utilizzo solitamente il latte vegetale (alle mandorle o di avena, che tra l’altro sono buonissimi) e utilizzo solo olio di oliva (in minore quantità), perché non credo che conferisca un sapore sgradevole o forte all’impasto. Prima o poi pubblicherò la ricetta. Per il momento mi hai incuriosirà con la composta di mele!
    Un bacione!

    • 08/04/2014 at 21:17

      Sì, effettivamente lo di avere delle alleate formidabili contro i grassi (cattivi) in eccesso…forse siamo molti di più di quello che io penso! 🙂
      L’olio d’oliva è sicuramente un’ottima idea, sul latte vegetale ho dei dubbi perché ho paura che sia un sapore troppo marcato…ma credo che sia un mio pregiudizio!
      Un bacio e buona serata!

  7. 08/04/2014 at 22:16

    Ci sono anche io tra gli estimatori dei biscotti di questo tipo! Leggeri, sani, non pesanti e senza sensi di colpa! Poi qui in Germania trovo un miliardo di tipi di composta di mele (che io adoro, mangiata in purezza o mischiata allo yogurt, o in mille altri modi) quindi posso anche risparmiarmi un passaggio della ricetta! 🙂

    • 08/04/2014 at 22:27

      Evviva!!! Ma allora sono proprio in buona compagnia! 🙂
      La composta di mele in genere non fa parte della mia lista della spesa, ma devo dire che mi è piaciuta molto…quasi quasi la inserisco!

  8. 08/04/2014 at 22:21

    A me sembrano proprio buoni!!!

    • 08/04/2014 at 22:28

      Grazie!! Ma infatti lo sono…solo che non sono iper dolci! E per tanti questo equivale a insipidi…ma non è certo così! 🙂

  9. 08/04/2014 at 23:03

    A proposito di reprimende… se posso dire la mia… e non puoi mettere quei cosi cioccolatosi buonissimi e poi questi, suvvia! Un po’ di coerenza in questo blog! 😛 😛 😛

  10. 09/04/2014 at 14:01

    Questi li devo proprio provare. Domani li faccio! Brava Alice pensi proprio a tutti……

    • 09/04/2014 at 14:31

      Grazie! So che anche te sei come me…il partito dei sostenitori dei dolci salutari aumenta a vista d’occhio! 🙂

  11. 09/04/2014 at 16:40

    Davvero belle, bellissime le foto! 🙂 Adoro i biscotti rustici e ancora di più li adoro quando sono anche sani! Bellissima ricetta 🙂

  12. 09/04/2014 at 18:13

    A parte che sembrano buoni, e poi, è vero, a volte c’è bisogno anche di qualcosa da sgranocchiare che non sia per forza dolcemente carico, ma un semplice chiudi pasto o ferma fame! Brava Ali! 🙂

    • 09/04/2014 at 18:20

      Sì, per merenda sono ottimi…ma sono anche buoni, giuro! Solo poco dolci… 😉

  13. 09/04/2014 at 21:27

    io ho usato il latte di riso per anni…basta abituarsi al sapore..e poi ti dimentichi del sapore del latte vaccino …hai ragione…rieducarsi al gusto è importantissimo…per la nostra salute…per noi…per volerci più bene…e questi biscotti rappresentano un concetto importante al quale tutto dovremmo avvicinarci!

    • 09/04/2014 at 23:44

      Io ho provato quello di soia ma per berlo così ha un sapore molto caratterizzato…forse nei dolci si sente meno. Quello di riso invece mi piace perché è più dolcino…la prossima volta lo uso anche per i biscotti!

      • 09/04/2014 at 23:48

        vengono benissimo…e sai cosa usavo? l’olio di riso per i dolci e biscotti è delizioso!!

        • 09/04/2014 at 23:50

          Ecco, l’olio di riso proprio non l’avevo mai sentito…ma quante cose si imparano?!?

  14. 09/04/2014 at 23:41

    piacciono anche a me…sono per le cose semplici e ben venga il miele che ultimamente sto consumando quando posso al posto dello zucchero…e poi mi piace la nota crunchy dei fiocchi d’avena
    notte

    • 09/04/2014 at 23:52

      So che anche tu sei una sostenitrice dei dolcificanti alternativi e dei dolci rustici…per fortuna sono in buona compagnia! 🙂
      Buonanotte a te!

  15. 10/04/2014 at 10:29

    che non siano goloi è tutto da vedere eh! certo non saranno cioccolatosi (che di solito è sinonimo di golosità), ma qui ci sono tutte le carte in regola per avere dei biscottini rustici, morbidi e deliziosi per il caffè! insomma io segno eprchè a me hai convinto! ecco! 🙂

    • 10/04/2014 at 10:35

      Grazie!! In realtà la mia è coda di paglia perché vivo con un amante del burro…ma questi biscotti hanno il loro perché! 🙂

  16. 11/04/2014 at 06:32

    Ciao Alice, che belli questi biscotti, ma che bello tutto qui.
    Ho fatto un giro e, ti dirò, vedere quel formaggio ( téte de moine) mi ha fatto venire una voglia pazzesca.
    Complimenti per le tue preparazioni e per le tue foto.
    Un abbraccio

    • 11/04/2014 at 07:38

      Cara Loredana, grazie mille per essere passata e per le tue parole! Mi fai davvero piacere.
      A presto,
      Alice.

  17. 07/11/2016 at 11:00

    Io ho aggiunto la cannella …Ci sta benissimo e li rende profumati

    • 07/11/2016 at 18:52

      Mi sembra un’ottima aggiunta! 🙂
      Grazie per averla condivisa, sono contenta che ti siano piaciuti 🙂
      Un caro saluto,
      Alice

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *