Testaroli integrali al pesto di salvia e nocciole

united_kingdom_640

Oggi poche ciance e andiamo dritti al sodo.
Vi ricordate che qualche mese fa vi avevo parlato dei testaroli, primo piatto tipico della Lunigiana?
Bene, domenica scorsa ho voluto provarli di nuovo ma con un condimento diverso: un semplice pesto di salvia, direttamente dal mio orto da davanzale, e nocciole Giffoni IGP.
Se fare i testaroli richiede un po’ di tempo, il condimento è davvero velocissimo ma molto molto saporito e caratterizzato, ottimo anche con una semplice pasta integrale.

testaroli4

TESTAROLI INTEGRALI AL PESTO DI SALVIA E NOCCIOLE

Dose per 2 persone. Per i testaroli:

  • 100 g di farina di farro
  • 60 g di farina integrale
  • 300 ml di acqua

Per il condimento:

  • 40 g di nocciole sbucciate ma con la pellicina (per me Giffoni IGP)
  • 20 grandi foglie di salvia  (circa 15 g)
  • parmigiano grattugiato
  • sale e olio extravergine d’oliva

Mescolate le due farine con il sale, aggiungete tanta acqua tiepida quanta ne serve per ottenere una pastella piuttosto densa ma liquida (io ne ho messa circa 300 ml); sbattete con una forchetta e lasciate riposare 10 minuti.
Scaldate un padellino antiaderente, passatevi un velo d’olio con l’aiuto di un pezzetto di carta assorbente e versatevi una dose di pastella sufficiente a formare una sorta di crepes alta 3-4 mm. Fate cuocere 5 minuti, poi capovolgetela e fate cuocere sull’altro lato. Proseguite così fino ad esaurimento della pastella, ungendo nuovamente il padellino se necessario.

Lavate e asciugate le foglie di salvia e mettetele in freezer per 10-15 minuti. Mettete le nocciole in forno a 200° modalità grill per una decina di minuti, finché non saranno leggermente dorate. Avvolgetele in un canovaccio pulito e strofinate per rimuovere le pellicine. Fate raffreddare le nocciole e poi passatele alle lame del mixer insieme alle foglie di salvia appena estratte dal congelatore (serve per farle restare di un bel verde brillante), con abbondante olio e un pizzico di sale.

Con un coltello affilato tagliate i testaroli a forma di rombi o losanghe e immergeteli nell’acqua salata quasi bollente: non deve essere in ebollizione. Fate rinvenire per 3-4 minuti, poi scolate i testaroli con una schiumarola e conditeli il pesto, aggiungendo ancora un po’ di olio a crudo. Servite con abbondante parmigiano grattugiato.

testaroli6

Con questa ricetta partecipo al contest Gusto e saluto di Cuoco per caso

contest gusto e salute

[contact-form-7 404 "Not Found"]
Share

You May Also Like

27 comments on “Testaroli integrali al pesto di salvia e nocciole

  1. Questa ricetta è super: devo provare a fare i testaroli e che dire del pesto, semplice ma profumatissimo!
    Magica giornata
    Manu

    • 27/03/2014 at 12:58

      Grazie! È vero, il pesto è molto profumato e saporito…e se vuoi fare ancora prima puoi comprare i testaroli già fatti o provarlo con la pasta integrale…sarà buonissimo lo stesso! 🙂
      Una fantastica giornata anche a te! 🙂

  2. 27/03/2014 at 12:59

    che bel pesto!!! e le foto? il tocco di viola ti dona!! Baci

    • 27/03/2014 at 14:57

      Grazie Daniela!! :-):-):-)
      Al viola non riesco proprio a rinunciare, è il mio punto debole…rischio di diventare monocromatica!

  3. 27/03/2014 at 15:19

    Che buono! Chissá che profumo il pesto di salvia! ..devo provare a farli i testaroli… Quando li assaggiai mi piacquero molto! 🙂

    • 27/03/2014 at 15:34

      Profumatissimo! E il fatto che provenisse dalla mia “piantagione” me l’ha fatto gustare ancora di più! 😉

  4. 27/03/2014 at 16:17

    Sono solo le 15 e mi hai già fatto venir fame! Questa ricetta mi piace moltissimo e in effetti il sugo è superveloce.

    • 27/03/2014 at 16:48

      Garantito! A prova di…ultimi 10 minuti! Ma buonissimo, a gusto mio… Ciao!

  5. 27/03/2014 at 19:20

    Ammetto, questi mi piacciono molto più degli altri. Per me i testaroli (e sai che gioco in casa) più sono rustici e più sono autentici e buoni. Però ammetto anche che con loro mi sono sempre mantenuta sulla tradizione; quindi per la prossima volta proverò l’accoppiata con la salvia … mi stuzzica!

    • 27/03/2014 at 19:26

      Le radici liguri si fanno sentire eh? E anche la vocazione rustico e alla semplicità, he qui mi sembra abbastanza soddisfatta… Sono contenta che ti piacciano! 🙂

  6. 27/03/2014 at 19:39

    Questi ci piacciono un sacco! In più questo bel pesto è impreziosito dalla pasta fresca…che bellezza 🙂

    • 27/03/2014 at 20:20

      Grazie! 🙂
      E io sono appena passata a vedere il vostro blog…è bellissimo, complimenti! E che foto meravigliose! 🙂

  7. 27/03/2014 at 19:59

    Ma che trucco quello del freezer! Mica lo conoscevo! 😉 avevo provato tempo fa a farli! Con la seconda cottura però si erano però tutti un spappolati! Dici che avevo messo troppa acqua nell’impasto o li ho fatti cuocere troppo poco in padella?? Comunque al pesto erano già spaziali, chissà in questa versione con la salvia e la nocciola! Deve esserci un’attrazione tra sapore integrale e frutta secca e erbe fresche!

    • 27/03/2014 at 20:19

      Funziona anche per il basilico…e per ottenere un effetto ancora più brillante si può mettere in freezer anche la quantità di olio che useremo, magari in un piccolo contenitore di plastica, e poi si passa tutto al mixer…un segreto che ho imparato ad un corso di cucina! 😉
      Sì, forse ci avevi messo troppa acqua, la pastella delle essere molto più densa di quella della crepes. Nel padellino io li ho tenuti parecchio, almeno 10 minuti l’uno devono diventare belli consistenti…
      Hai ragione, forse la triade integrale, frutta secca ed erbe ha un quid in più! 🙂

  8. 27/03/2014 at 21:47

    devo ancora provarli! però come immagini questi piatti rustici…e sinceri…mi piacciono assai!!!
    brava Alice..un bacione

    • 28/03/2014 at 18:00

      Grazie!! So su questo versante i nostri gusti sono molto in sintonia!! 🙂
      Buon fine settimana!

  9. 28/03/2014 at 07:59

    Proverò sicuramente a fare i testaroli, mi ispirano molto. Grazie!

    • 28/03/2014 at 09:32

      Grazie a te per il tuo commento! Se li fai fammi sapere se ti piacciono. Buona giornata!
      Alice

  10. 28/03/2014 at 19:02

    ecco: il pesto di salvia mi manca! e con le nocciole..mmm devo ripiantare la mia, vedessi come è triste!!!!! un bacione cara

    • 28/03/2014 at 19:18

      Le mie piantine aromatiche hanno preso campo e sono già partite alla grande…speriamo che continuino così! Vedrai che appena le ripianti ti ispireranno delle ricette fantastiche! Un abbraccio!

  11. 28/03/2014 at 21:24

    Devono essere meravigliosi!

  12. 31/03/2014 at 22:07

    Belle e buone queste due ultime ricette! gnamme!
    Per un errore mi si era pigiato “disiscriviti”, ma ho provveduto prontamente a riscrivermi eh! 🙂

    • 31/03/2014 at 22:21

      Noo! Mi avevi abbandonato?! 😉
      Grazie Francy! Non faccio apposta, ma alla fine quasi tutte le mie ricette sono meat free…adatte anche a te!

      • 01/04/2014 at 21:25

        No, no niente abbandoni, mentre muovevo il mouse mi si è pigiato proprio su ‘disiscriviti’, non avevo fatto apposta!
        E comunque Ali, se molte ricette sono anche per vegetariani, non c’è da scusarsi, anzi, fai proprio bene! (come ben si sa, non posso non appoggiare la cosa eheh) 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *